Carboni: “Siamo in emergenza, ma la voglia di lottare non passa”

0
2

La continua emergenza ha tolto un pò di buon umore a mister Carboni, ma non la voglia di lottare. I tanti infortuni che stanno caratterizzando la stagione di una squadra che è riuscita con tanti sacrifici ad abbandonare la zona rossa della graduatoria non vanno giù al tecnico che tuittavia non si abbatte, guardando all’immediato futuro e alla necessità di riuscire ad ottenere un discreto bottino di punti in 15 giorni di fuoco. Due settimane importantissime che vedranno De Angelis e compagni impegnati soltanto una volta al Partenio con il Frosinone e tre volte in trasferta con compagini di prima fascia: Mantova, Bologna e Lecce. Un ciclo terribile che l’Avellino non potrà affrontare nella massima efficienza: ci sono dei calciatori acciaccati dall’inizio (Anastasi e Di Cecco) del torneo e per cui almeno fino a questo momento non sono stati trovati i giusti ricambi: “Prima dell’allenamento mi sembra di essere di fronte ad un bollettino di guerra.– afferma il trainer aretino- In questo momento sembriamo un ospedale, ma non ci abbattiamo. Lavoriamo e guadiamo avanti come abbiamo sempre fatto”. Sulla strada dei biancoverdi la corazzata Mantova, reduce dalla sconfitta a Ravenna. Una sfida difficile ma i lupi, nonostante i problemi, non partono assolutamente sconfitti ma piuttosto pronti a giocarsela alla pari contro i lombardi: “Andremo a giocarcela con coraggio. Per fare risultato su un campo difficile come questo bisogna scendere sul terreno di gioco con lo spirito di sempre, lottare dal primo all’ultimo secondo, visto che affronteremo una squadra più forte”. Il condottiero dei lupi guarda avanti, pur confermando la necessità di riuscire a reperire i tasselli mancanti in queste ultimissime ore di trattative: “Il guaio è che non riesco schierare l’undici che desidero. Vorrei allenarmi in maniera più tranquilla, ma non è assolutamente possibile: non poter provare schemi e moduli è una cosa che mi fa rabbia, ma vado avanti. Sono due mesi che non posso disporre di tutti, i problemi strutturali però non devono diventare un alibi. Affrontiamo partite importanti in grande emergenza. I propositi per sabato sono quelli giusti, avremo di fronte una compagine di spessore, reduce da un brutto stop, ma che è stata anche capace di vincere sei partite di fila”. Sulla rimonta effettuata: “Sono settimane che dico con grande serenità che non abbiamo risolto i nostri problemi perché siamo riusciti a rimanere agganciati alla classifica. Comunque qui ci sono calciatori che hanno tanta voglia di lottare, che sudano la maglia e per questo sono fiducioso. So che ci saranno delle incognite, visto che gli infortunati non mancano, ma dobbiamo mantenere la calma e sangue freddo. Ho le spalle larghe per preparare questo incontro”. Parla della salvezza, un obiettivo possibile a prescindere dai rinforzi: “Abbiamo i mezzi per restare in questa categoria e se facciamo 42 gare sopra le righe ci riusciamo, ci crediamo fortemente, è stato fatto quando non venivano i risultati… figuriamoci ora”. In merito al mercato ed ai ritardi il commento del toscano è chiaro: “Mi aspettavo qualcosa già ad inizio del mese, anche perché la società è da dicembre al corrente delle mie necessità Nonostante il ritardo, dovuto alle contrattazioni difficili, resto ottimista. Forse abbiamo perso tempo nel momento decisivo”. In merito a Cipriani, autore di una buona prestazione nella sua prima gara disputata da titolare: “Sta recuperando. Erano diversi mesi che non riusciva a fare dieci allenamenti di fila. Ha qualità importanti, mi auguro che presto possa raggiungere la forma ottimale: io da parte mia devo avere la pazienza di aspettarlo”. Su una possibilità di vedere Sestu, spossato sulla linea degli attaccanti: “Tatticamente deve migliorare. Ha qualità fisiche importanti, a volte spreca energie. Deve capire cosa gli chiedo durante la partita, lui può farlo. Ha anche qualità importanti: è generoso e corre molto, deve avvicinarsi alla porta e non raggiungerla per vie esterne. Domani faremo il punto della situazione anche se al centro siamo deboli”.

AMICHEVOLE
È terminato 4 a 0 il test con la Forza e Coraggio, compagine militante nel campionato di Eccellenza. In goal Paonessa, Cipriani, Pellicori e Kenesei.

(di Sabino Giannattasio)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here