Calcio – Stella e Kenesei si presentano: “Daremo il massimo”

0
7

I due nuovi acquisti biancoverdi Marco Stella e Kristizian Kenesei si presentano. Nel ritiro di San Severino Marche, gli ultimi arrivati in casa Avellino rilasciano le loro prime dichiarazioni con la casacca dei lupi. Una trattativa lampo quella che ha portato i calciatori all’ombra del Partenio. Il centrocampista abruzzese dichiara di essere felice di aver raggiunto questa intesa con il sodalizio di Contrada Archi, ritenendo i lupi la squadra giusta per il rilancio dopo il brutto infortunio: “Sono contento di aver ricevuto questa chiamata.-afferma il calciatore ex Piacenza- Ringrazio l’Avellino per la fiducia riposta nei miei confronti, sono reduce da un lungo stop arrivato in un momento molto importante per la mia carriera”. Sugli obiettivi della compagine irpina: “Io sono abituato a lottare per la salvezza, sono ‘addestrato’ a soffrire l’ho fatto ad Ascoli e Pescara, so cosa significa scendere in campo per conservare la categoria. Sono pronto a rimettermi in gioco e a dimostrare a tutti di non essere assolutamente finito, questa è per me una occasione molto importante ed intendo sfruttarla al meglio”. Sulla propria posizione sul rettangolo di gioco, il giovane centrocampista dichiara: “Agire a destra o sinistra per me non rappresenta assolutamente un problema, l’importante è scendere in campo e dare sempre il proprio contributo”. L’attaccante magiaro assistito dal proprio manager afferma: “Il campionato cadetto è uno dei più difficili ed affascinanti del panorama calcistico europeo, insieme a quello tedesco è il torneo che ammiro di più per questo non vedo l’ora di iniziare”. Spera di poter insegnare tanto ai più giovani: “In questi ultimi anni ho sempre provato a fare da chioccia per ragazzi, a dispensare loro consigli è mia intenzione farlo anche in questa nuova avventura”. Sorpreso dalla chiamata dell’Avellino l’Ariete venuto dall’Est afferma: “Non me l’aspettavo, sono contentissimo spero che tutto vada per il verso giusto”. Come il compagno di reparto Raffaele Biancolino, lo ‘Zingaro del goal’ha diversi tatuaggi:“ Li adoro, è una grandissima passione ed a fine anno vorrei tatuarmi un lupo”. Con tanti napoletani sarà difficile imparare l’italiano? “Ci sono riuscito con il cinese, perché non dovrei essere capace di farlo con l’italiano?”. Con loro gli acquisti dell’Avellino salgono a sei, anche se, il tecnico toscano aspetta almeno altri 6/7 innesti per poter avere un lupo competitivo che possa ottenere la salvezza nel campionato cadetto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here