Calcio serie/D – L’Ariano piega il Savoia. Solofra altra sconfitta

20 Novembre 2005

Il Solofra inanella la settima sconfitta consecutiva mentre la Sibilla Cuma conquista la seconda piazza della classifica. Questo è il risultato finale di una gara che ha visto un incomodo in campo per entrambe le formazioni: il vento. Gli ospiti giocano a memoria, i conciari sembrano stentare anche se hanno in corpo la voglia di vincere davanti al pubblico amico. Non c’ è neanche il tempo di prendere le misure che gli ospiti vanno in rete con Rosi, dopo uno scambio con Manzo, forse in sospetto fuori gioco. Inutili le proteste dei conciari. Il Solofra accusa la botta e cerca di imbastire qualche azione. Al 10° l’ avanti gialloblu Pascucci viene atterrato in area: rigore ma non per l’ arbitro. Un minuto dopo Trifone di testa fallisce il pari. I conciari si buttano all’ attacco cadendo però sempre nello stesso errore: troppi passaggi sotto porta invece di concludere. Oliva salva in difesa e sulle punizioni scavalca gli avversari ma i piccoli avanti conciari non riescono mai a colpire di testa la palla. Fallisce poco dopo Sansò un’occasionissima e Iaccarino ringrazia. La Sibilla però si rende pericolosa in più di un’ occasione e a negargli il gol è il portiere conciario Esposito. In campo entra Iyke, anche se acciaccato, e la manovra conciaria si vivacizza ma l’ italo-nigeriano si perde nel troppo dribblare. Gli ospiti invece quando attaccano lo fanno con ordine pungendo la difesa avversaria da tutti i lati. E ciò rende grande Esposito che salva la porta respingendo due tiri ravvicinati di Pastore. Neanche sedici secondi della seconda frazione di gioco che Rosi si vede sulla strada della rete Esposito, stessa cosa un minuto dopo per Pastore. Esposito è in grande spolvero e nega la gioia del secondo gol agli avanti avversari. Il Solofra si vede sulle punizioni di Oliva e la voglia di pareggiare fa commettere grossi errori. E proprio su una punizione di Oliva un giocatore ospite in barriera respinge con la mano ma l’ arbitro non se ne avvede. Poi è la volta della Sibilla che costringe i conciari ad arretrare il baricentro nella propria metà campo. Entra finalmente Belcore ad un quarto dal termine e il Solofra si vivacizza. E’ proprio l’ avanti conciario a creare problemi alla difesa avversaria con tiri in rovesciata, di testa e smarcando i compagni. Per un tre minuti l’ area ospite è messa sotto pressione ma la palla non entra in rete. Su contropiede viene punito il Solofra immeritatamente ancora da Rosi in posizione nettamente dubbia. I conciari non si avviliscono e Belcore dal suo manuale tira fuori numeri di alta scuola tanto che Iaccarino non sa più a chi santo votarsi. Ma ancora in contropiede gli ospiti mancano la terza segnatura e finisce qui.
Società gialloblù in silenzio stampa. Parla il difensore Carlino “E’ un periodo dove gira tutto storto anche se nelle ultime due gare abbiamo giocato bene. Lottiamo per la maglia e crediamo ancora alla salvezza, certamente il gol a freddo ci ha penalizzato”.
Il trainer della Sibilla Cuma, Carannante “Abbiamo fatto una pessima pertita per il fondo del campo ed il vento. Siamo stati fortunato nello sbloccare il risultato e tutto è filato liscio per noi. Gli avversari hanno giocato, corso, ma non sono stati bravi nel concretizzare inizialmente. Il loro portiere è stato bravo”.

Al “Renzulli” Todino dell’ Ariano al 15′ del secondo tempo ha fermato il cammino del Savoia. Gli oplontini non hanno giocato male, al contrario a momenti hanno imposto il loro gioco mentre gli arianesi si sono difesi con il contropiede che alla fine è risultato la classica arma micidiale. Condizioni del tempo proibitive per entrambe le squadre con un forte vento. Inizialmente si pensava ad un rinvio della gara che non c’ è stato. Invece l’ arbitro Tidona di Torino ha permesso alle squadre di entrare sul rettangolo di gioco e dare vita alla gara. Per il trainer arianese “Si sono viste in campo due grandi squadre, noi siamo andati forte in contropiede soprattutto quando il Savoia ha tentato di riequilibrare le sorti dell’ incontro. Abbiamo smosso la classifica con questa vittoria e speriamo, con i nuovi acquisti, di risalire la china.(di Dante Grimadli)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.