Calcio – Serie B, daspo e divieti: ecco le tifoserie finite nel mirino dell’Osservatorio

Calcio – Serie B, daspo e divieti: ecco le tifoserie finite nel mirino dell’Osservatorio

2 Ottobre 2015

Dopo appena cinque giornate del campionato di Serie B, il livello di attenzione in seno agli organismi del Ministero dell’Interno addetti al monitoraggio della pubblica sicurezza in occasione degli incontri di calcio è già ad una soglia elevata. L’escalation di atti di violenza posti in essere dentro e fuori lo stadio da sparute minoranze di tifosi rischia di compromettere la “libertà” di alcune tifoserie nell’ambito del torneo cadetto.

Nell’immediato intanto è già tutto compromesso per i supporters di Bari e Spezia che domani non potranno seguire le rispettive squadre nelle trasferte di Latina e Lanciano. Fatali ai sostenitori pugliesi le intemperanze andate in onda in occasione del match di Crotone dello scorso 22 settembre: il prefetto di Latina, anche in ragione della ridotta capienza del settore ospiti del “Francioni” ricavato nella tribuna coperta da un anno a questa parte, ha vietato la trasferta. Decisive le valutazioni del Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive (Casms).

I tifosi spezzini invece non potranno recarsi in Abruzzo per la condotta tenuta sabato scorso durante il viaggio di ritorno dalla trasferta di Livorno. Il Comitato Nazionale di Informazione sulle Manifestazioni Sportive (Cnims) ha suggerito il semaforo rosso per la tifoseria ligure alla luce della segnalazione di Trenitalia circa il danneggiamento di alcuni vagoni di un treno che trasportava gli ultrà aquilotti. Quest’ultimi erano stati già attenzionati dall’Osservatorio per i tafferugli estivi in occasione dell’amichevoli con il Bologna a Castelrotto, in provincia di Bolzano.

Se domani lo Spezia non potrà contare sull’apporto dei propri sostenitori, la Virtus Lanciano dovrà fare a meno di otto tifosi nei confronti dei quali è stato emesso il Daspo per lancio di fumogeni al “Biondi” durante la partita con il Vicenza del 22 settembre.

Nessun provvedimento adottato ma mirino azionato nei confronti della tifoseria cagliaritana da parte dell’Osservatorio che “nel rimarcare il deplorevole comportamento posto in essere dai tifosi del Cagliari in occasione della gara “Cagliari – Latina” del 26 settembre 2015, attiverà il costante monitoraggio del comportamento dei tifosi cagliaritani in occasione dei prossimi incontri di quella compagine”. La determinazione n. 35 del 30 settembre fa riferimento al lancio di una bottiglia da parte di un tifoso rossoblu contro un pullman ti supporters pontini.

 

 


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

<