Calcio Serie D/ Ariano – Continua la diatriba Comune – Us Ariano

17 Settembre 2005

Continua il tira e molla tra il comune e l’Us Ariano. Nella giornata di venerdì, l’assessore allo sport Puopolo ha disposto la chiusura dello stadio ‘Silvio Renzulli’, impedendo alla formazione biancoazzurra di poter allenarsi. All’arrivo ai cancelli, lo staff tecnico della formazione del Tricolle ed i calciatori, hanno trovato i lucchetti cambiati. Secondo l’assessore, la società del presidente Roberto non avrebbe rispettato i patti in termini di pagamento. In merito, il sindaco Domenico Gambacorta informa che per quanto riguarda l’utilizzo dello Stadio sono state predisposte delle tariffe di contribuzione alle spese di gestione per le Società Sportive. In particolare, ha rivisto le somme da far versare alla Società U. S. Ariano Calcio, e precisamente: per ogni allenamento da 60 a 40 euro e per ogni partita dai 150 a 250. Purtroppo i costi di gestione, sostenuti dal Comune, ammontano a circa 65 euro all’anno e solo in piccolissima percentuale le Società Sportive contribuiscono alle spese. Per tali motivi è importante che le squadre che utilizzano impianto siano puntuali nei versamenti e non creino morosità nei pagamenti, l’Amministrazione certo non pretenderà dalle Società il “versamento alla mano” per l’ingresso nel Campo, ma neanche può essere possibile che non si effettuino i versamenti dall’anno 2004. Una brutta tegola per la formazione di mister Negri che per allenarsi sarà costretta a girovagare su e giù per l’Irpinia.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.