Calcio – Puleo, addio in lacrime: “Vado via con grande rammarico”

7 Gennaio 2006

Lascia l’Irpinia dopo sei stagioni. Simone Puleo dice ‘arrivederci’ alla casacca biancoverde. Il capitano si trasferisce al club pitagorico con la formula del prestito. Il suo non è un addio, o perlomeno così dovrebbe essere. Sei anni contrassegnati da due promozioni, una finale play- off persa con il Catania ed una retrocessione. Il difensore milanese lascia i lupi, senza essere riuscito a dimostrare di essere da B. Va via in lacrime, salutando quella che ormai era diventata la sua seconda casa. Un addio amaro, per quello che per anni è stato il simbolo della truppa irpina: “Oggi non pensavo al Crotone, ma solo all’Avellino. Speravo in questa vittoria, ma purtroppo, così non è stato. Nei giorni scorsi mi è stato comunicato che ero divenuto la quarta scelta. Ho 26 anni ed ho bisogno di giocare. Non posso stare a scaldare la panchina. Vado via con molto rammarico, ma lo faccio per dimostrare di avere tutte le carte in regola per giocare in questa categoria. Ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicini in questi anni, sono arrivato ragazzo e vado via uomo. Quest’esperienza mi ha dato tanto. Porterò questa città sempre nel cuore”. Il difensore traccia un bilancio della sua avventura irpina: “E’ stata una pagina importante della mia carriera calcistica. A parte la retrocessione vissuta, durante la stagione in cui c’era Zeman, sono stati anni bellissimi. Con due promozioni conquistate ed una finale play-off persa. Forse sono stato il capitano più giovane della storia dell’Avellino. Ma purtroppo, non sono riuscito a dimostrare mai il mio valore in questo campionato. All’inizio della stagione ho avuto delle difficoltà, si è visto. Ma non credo che se le cose andavano male era solo colpa di Puleo. Per mia fortuna, avevo molto mercato e questo ha fatto sì che trovassi una nuova squadra per rimettermi in discussione. Ripeto, l’Irpinia mi rimarrà nel cuore”. Tra qualche mese tornerai al Partenio da avversario, per te sarà un’emozione particolare? “Sicuramente, ma già oggi sono molto emozionato . Ringrazio Cecere e Cinelli ed Enzo De Vito anche nei momenti difficili mi sono stati molto vicini”.
Ciao capitano.
(Di Sabino Giannattasio)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.