Calcio – L’ex tecnico dei lupi Zeman torna a parlare di doping

20 Dicembre 2005

Neanche l’assoluzione di Antonio Giraudo e del dottor Riccardo Agricola, dal processo per doping , frena Zdenek Zeman, l’ex tecnico dell’Avellino continua a gettare veleni sulla Juventus. Confermando le accuse sollevate nel 1998, quando il maestro di Praga aveva invocato l’uscita del calcio dalle farmacie. Infatti, proprio lui quasi otto anni fa aveva dato il via all’inchiesta che ha coinvolto il medico sociale e l’amministratore delegato della Juventus: “Anche in secondo grado mi è stata data ragione – afferma il tecnico boemo sulle colonne del Corriere della Sera -. Se c’è una certezza inequivocabile, evidenziata in entrambi i gradi di questo processo, è che si abusava di farmaci”. Sui medicinali trovati negli spogliatoi della Vecchia Signora, il freddo uomo venuto dall’Est dichiara: “Più del 70% necessitava di ricette mediche che non erano state compilate. Farmaci per gravi problemi neurologici, altri che si usano in sala operatoria, altri per gravi disfunzioni cardiache, altri per malati terminali… Ma in campo quelli della Juve non sembravano malati…anzi”.
La sentenza di appello, ha escluso il reato da parte dei bianconeri, ma l’esito ‘positivo’ del processo rafforza l’idea dell’ex trainer dei lupi:“Se l’obiettivo non era curare ma cambiare le prestazioni, erano tecnicamente illeciti”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.