Calcio – Il lupo cambia veste. Lucchesi: “Accetto con entusiasmo”

0
7

L’Avellino formato serie B è pronto a ripartire. Dopo aver conquistato la cadetteria al fotofinish si ricomincia. Un lupo con diverse novità dietro le scrivanie e che a sorpresa ricomincerà il proprio cammino anche con un con un nuovo tecnico. Anche perché due dei principali artefici della risalita biancoverde non proseguiranno la loro avventura all’ombra del Partenio: Francesco Maglione e Giovanni Vavassori hanno deciso di andare via da vincenti. Ma i fratelli Pugliese non si sono fatti cogliere impreparati e in poco più di 24 ore hanno piazzato l’ultimo tassello dietro le scrivanie e raggiunto l’accordo con il successore dell’allenatore bergamasco.
Il colpo ad effetto è sicuramente rappresentato dall’ingaggio di Fabrizio Lucchesi, ex Direttore Generale di Roma e Fiorentina. Un arrivo importante e programmato già da tempo, infatti l’accordo tra le parti era stato raggiunto già la scorsa settimana. L’esperto dirigente sta lavorando a braccetto con la proprietà da circa 10 giorni, un innesto di alta caratura per un organico praticamente rifondato. Tanta esperienza nella massima serie con Roma e Fiorentina, oltre a 15 anni nell’Empoli dove ha fatto la spola tra il Settore Giovanile e la prima squadra. Soddisfatto il presidente Marco Pugliese: “La società ha mantenuto gli impegni ingaggiando nel giro di poche ore il nuovo allenatore. Oggi siamo qui per presentare la struttura calcistica dell’US Avellino in vista del prossimo difficile campionato cadetto. Il calcio va verso una riorganizzazione, il 15 agosto dobbiamo presentare un organico ufficioso di 21 calciatori più quattro del settore giovanile, mentre nell’ultimo giorno di mercato l’elenco dovrà essere definitivo”. Il più piccolo dei fratelli di Frigento conferma la volontà di puntare su calciatori non di nome ma dalle grandi motivazioni: “In squadra arriveranno soltanto elementi dai grandi valori morali che abbiano rispetto nei confronti di società, città e tifoseria”. Conclude sul mercato: “Non dobbiamo assolutamente andare di fretta, ogni scelta sarà ponderata per giungere al giorno dell’inizio con una rosa completa che possa riuscire senza patemi a raggiungere l’obiettivo della salvezza. Da parte nostra, metteremo sempre il massimo impegno per conservare questa categoria conquistata con tanti sacrifici. Adesso faccio un appello all’unità per mantenere la serie B che è un patrimonio di tutti”.
Gli fa eco Massimo: “Ci sono state novità importanti in queste ultime 24 ore, anche se su queste nuove scelte stavamo lavorando da tempo. Una relativa anche all’addio di Vavassori, che ringrazio per il lavoro svolto. Sono felice che un uomo di esperienza come Lucchesi abbia deciso di sposare il nostro progetto e darci una mano in questo lungo e difficile cammino. Sarà lui di fatto a gestire l’azienda Avellino, è un atto di fiducia nei suoi confronti. Ringrazio Fabrizio per aver accettato questa sfida e sono convinto che insieme potremo fare grandi cose”. Sulla nuova struttura societaria: “Abbiamo creato una organizzazione che ci permette di essere sempre presenti”. In merito all’allestimento dell’organico dichiara: “La rosa della squadra deve essere completata. Senza fretta allestiremo un organico competitivo che non ci faccia rivivere i brutti ricordi di due anni fa”.
Fabrizio Lucchesi dall’alto della sua esperienza non fa proclami, il lavoro a suo avviso è l’unico modo per conquistarsi la stima della piazza e per dimostrare il proprio valore: “Dobbiamo meritarci sul campo le lodi. Ai fratelli Pugliese mi lega un grandissimo rapporto di amicizia, da giorni stavamo parlando di questo mio possibile ingresso. Il loro entusiasmo mi ha coinvolto e con grande onore accetto questo incarico. Nei giorni scorsi ho avuto la possibilità di conoscere la città e posso solo dire che sono felice di essere qui. Da domani vedremo il da farsi”. Il suo passato illustre non ha pesato minimamente sulla scelta effettuata: “Inizio questa nuova avventura con grandissima convinzione e con la consapevolezza che si vuole costruire qualcosa di importante. Il passaggio di categoria porta delle difficoltà, sono lieto di essere arrivato in questa città”. Sulla scelta del nuovo allenatore la sua risposta è chiara: “Io rappresento una parte dell’attività, tutto quello che verrà deciso è frutto di una scelta aziendale. Conosco Maurizio e posso dire che abbiamo fatto un ottimo investimento. Per quanto riguarda l’organico mi esprimerò in seguito, ora mi metterò all’opera con la speranza di sbagliare il meno possibile”. La chiusura spetta ad Antonio Lo Schiavo: “ Sono grato a Massimo e Marco per l’incarico conferitomi. Ancora una volta sono al loro fianco per questa nuova avventura. Faccio un in bocca al lupo a Fabrizio che in passato ha lavorato con mio padre e a Lorenzo che ritengo un professionista serio e preparato. Tutti speriamo di raggiungere una salvezza tranquilla”.
I propositi sono buoni, speriamo che alla fine i fatti diano ragione alla proprietà e che finalmente l’Avellino possa conservare la serie B.(di Sabino Giannattasio)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here