Calcio Avellino – La società adotta prezzi popolari

0
52

E’ stata presentata la campagna abbonamenti per la stagione calcistica 2005-2006. Nella mattina di ieri, il sodalizio irpino ha convocato gli organi di informazione ed in conferenza stampa ha esposto i termini e le modalità di sottoscrizione del nuovo abbonamento. Si inizia in tutti i sensi. Il team di Oddo questa sera scenderà in campo a “Bendegodi” di Verona per la prima di campionato, mentre sul fronte organizzativo la società ha dato il via ufficialmente alla campagna abbonamenti. Questi i prezzi: Curve 150 Euro (ridotti 130 Euro), Tribuna Terminio 250 (ridotti 180), Tribuna Montevergine Laterale 375 Euro (ridotti 285), Tribuna Montevergine centrale 1000 Euro. Per il settore Tribuna Montevergine centrale non e’ prevista alcuna riduzione. L’ acquisto degli abbonamenti avrà inizio lunedì ai botteghini della Curva Sud ma, agli acquirenti verrà consegnata solo una ricevuta indispensabile per ritirare successivamente la tessera di abbonamento. Stesso nella giornata di lunedì il sodalizio di via Cannaviello tenterà di garantire anche la consegna di un tagliando sostitutivo, valevole per la prima gara interna contro la Triestina in caso contrario sarà possibile ritirare il biglietto a cominciare dalla giornata di mercoledì sempre presso i botteghini della curva Sud.
“Abbiamo cercato di andare incontro a quelle che sono le esigenze dei tifosi applicando prezzi molto popolari. – Afferma il presidente biancoverde Marco Pugliese – Abbiamo confrontato quelli che sono i prezzi degli altri club della cadetteria, inoltre abbiamo messo a confronto quelli della serie C rispetto alla B, che rappresenta un campionato più prestigioso e più lungo con 21 partite in casa. Prima di stabilire dei prezzi abbiamo anche dialogato con alcune frange della tifoseria organizzata e che hanno molto apprezzato questo nostro comportamento”.
La novità di quest’anno oltre alla particolare attenzione che si è prestate alle donne – che potranno godere di una riduzione sui prezzi normalmente praticati al pari dei minori di 16 anni – sarà quella della totale abolizione delle tessere omaggio.
“Non saranno messe in stampa tessere omaggio – afferma infatti, Marco Pugliese – per nessuno. Credo sia giusto che chi venga allo stadio faccia l’abbonamento, che rappresenta non solo un legame alla propria città e alla propria squadra del cuore ma, anche un piccolissimo contributo che serve a sostenere il club biancoverde. Una decisione questa, presa anche alla luce degli eventi verificatosi nello scorso campionato, quando per poter ricreare l’entusiasmo, riavvicinare le istituzioni e alcune frange politiche abbiamo messo a disposizione molte tessere omaggio e nel corso del tempo magari questi sono stati i primi a criticarci. Non credo sia giusto soprattutto nei confronti di chi fa sacrifici per comprare il biglietto o uno sforzo maggiore per acquistare l’abbonamento. E’ questa la politica, che la società si vuole dare. Spero che dia i propri frutti, d’altronde non pregheremo nessuno per venire allo stadio, ognuno sarà libero di scegliere avendo la possibilità di poter guardare la partita anche in televisione”.
Ma le ultime battute del massimo dirigente biancoverde sono comunque di esortazione alla tifoseria a sottoscrivere ed a venire in massa allo stadio. “Si comincia questa avventura. – Dice il più giovane dei Pugliese – Si inizia con la speranza che come lo scorso anni la gente ci creda, venga allo stadio perché se è pur vero che il pubblico rappresenta il dodicesimo uomo in campo, ad Avellino il tifo ha dimostrato di essere non solo il dodicesimo ma addirittura la tredicesima arma della squadra. Ed è per questo che dopo tanti sforzi noi speriamo di raccogliere molte adesioni per la sottoscrizione degli abbonamenti per una doppia valenza, quella che ho appena spiegato ma anche per dare un piccolo contributo alla gestione ordinaria della società”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here