Bucaro scaccia l’euforia: “Calma, non abbiamo già vinto”

Bucaro scaccia l’euforia: “Calma, non abbiamo già vinto”

10 Maggio 2019

di Claudio De Vito – Umiltà. Un concetto semplice già espresso da Claudio Mauriello e che Giovanni Bucaro ribadisce prima di salire sul pullman che porterà la squadra in ritiro. Il tecnico biancoverde predica calma a 48 ore dal match verità con il Lanusei che mette in palio l’agognata Serie C.

“A sentire un po’ l’umore in giro sembra che abbiamo già vinto ma non è così, non sta né in cielo né in terra” ha ammonito Bucaro che non ammette interferenze sul livello di concentrazione raggiunto dal gruppo in settimana. “Fa piacere l’entusiasmo dei tifosi ma non ci deve riguardare – ha aggiunto – è una gara tutta da giocare, se entrambe le squadre sono arrivate a questo punto è perché hanno dei meriti, noi come il Lanusei. Il blasone è dalla nostra parte ma non va in campo”.

Ma “si decide la guerra” e allora oltre tutto conterà la tenuta mentale. “Sarà determinante più di ogni aspetto tattico – garantisce Bucaro – ci siamo caricati vedendoli festeggiare quando eravamo sotto in classifica. Abbiamo recuperato sette punti nelle ultime cinque partite. Tutto sommato però arriviamo alla pari a questa partita sia per valore che per esperienza. Aver vinto all’andata e al ritorno non significa nulla.

La formazione sarà la stessa che ha espugnato Latina. “Sforzini è ancora da valutare, ma al momento è più no che sì” ha riferito il trainer palermitano. Spazio allora ad Alfageme, non brillante nell’ultimo periodo, in tandem con De Vena che invece ha ritrovato il feeling con il gol. Nel primo pomeriggio la partenza alla volta del Lazio. La rifinitura nei dintorni di Rieti servirà anche per gestire l’eventuale appendice del match e il fattore terreno di gioco.

“Domani qualche ragazzo che solitamente non calcia i rigori li proverà – ha affermato Bucaro – è una partita secca e potrebbero servire anche i tiri dal dischetto”. Il campo in erba naturale del “Manlio Scopigno” non è sarà impeccabile: “Abbiamo mandato qualcuno a verificarne le condizioni – ha rivelato – non sarà certamente come quello di Latina ed è previsto anche cattivo tempo”.