VIDEO/ Bonito, perquisizioni nel Santuario, inchiesta sul Presidente del comitato

0
5865

Bufera sul Santuario di Santa Maria della Neve a Morroni di Bonito. A seguito di alcuni esposti la magistratura ha aperto un’inchiesta sul presidente del comitato parrocchiale, eseguite perquisizioni da parte delle forze dell’ordine e sciolto dal vescovo lo stesso comitato. Sequestrato, inoltre, l’oro della Madonna. Nessuno ha spiegato ai bonitesi cosa sia successo esattamente ed in paese sono iniziate le congetture più disparate: esorcismi, sette sataniche, pedofilia. Ma a quanto pare alla base non vi è nulla di tutto questo, probabilmente “solo” una gestione “leggera” dei fondi raccolti per sostenere il santuario e realizzare la grande festa del 5 agosto dedicata alla Madonna che però per quest’anno salta.

Messe e cerimonie si stanno svolgendo regolarmente presso il Santuario, tutte le altre attività, organizzate soprattutto dai giovani del comitato, il “Gruppo 7 passi” sono sospese. Un gruppo molto attivo che ha messo in piedi tante iniziative per la piccola comunità di Morroni, circa 600 anime: i tornei di bigliardino e beachvolley, il campo solare per i bambini, la splendida “infiorata” del 2 giugno per il Corpus Domini (foto) e la sagra di luglio finalizzata proprio a raccogliere fondi per la festa di agosto. Anche le attività social sono state bruscamente interrotte, compresa la diretta della messa, ferma al 9 giugno.

Ma di cosa è accusato il presidente del comitato? Che poi è la stessa persona che insieme ad altri concittadini si è spesa per la ricostruzione del Santuario e a quanto raccontano i bonitesi ha dedicato tutta la sua vita per la chiesa. E chi lo ha denunciato?

Da indiscrezioni le accuse sarebbero di diffamazione, minacce, violenza privata, appropriazione indebita e peculato. Ad accusarlo sarebbero stati gli stessi che erano nel comitato con lui, forse mossi da vecchi rancori. Vi sarebbe anche una querela da parte del parroco per non aver restituito le chiavi del Santuario. Tutto questo, naturalmente, sarà la magistratura a chiarirlo.

Riguardo poi le voci sugli esorcismi sembra che circa due anni fa vi siano stati almeno tre episodi di persone che nel corso del Rosario abbiano esternato un forte malessere. Possedute dal Diavolo? Lo scetticismo è d’obbligo. Sta di fatto che gli episodi furono puntualmente riportati al vescovo.