Benevento – Truffa per oltre 3mln di euro a portatori di handicap

0
17

La Tenenza della Guardia di Finanza di Sant’Angelo dei Lombardi, coordinata dalla Procura di Benevento, ha portato alla luce una truffa per oltre 3 milioni di euro di contributi regionali destinati a persone non autosufficienti colpite da gravissime malattie.
All’alba di stamani, con interventi contestuali a Benevento, Roma e Pozzuoli, i militari di Sant’Angelo dei Lombardi e del Nucleo di Polizia Tributaria di Benevento hanno dato corso alla fase finale di una complessa indagine, denominata operazione Camaleonte, mediante l’esecuzione di 4 misure cautelari e la notifica di avvisi di garanzia nei confronti di altri quattro indagati per truffa, falso e riciclaggio.

La ricostruzione della Procura della Repubblica di Benevento

Le indagini di quella che è stata denominata Operazione Camaleonte sono scaturite da una denuncia presentata a Sant’Angelo dei Lombardi per il mancato incasso di un assegno: il titolo bancario, infatti, risultava già riscosso da identità accertata essere falsa.
I meticolosi accertamenti sviluppati dalle Fiamme Gialle hanno permesso di rilevare come sul conto intestato all’identità fasulla ci fossero non solo i mille euro oggetto della prima “truffa” ma anche tracce di movimentazioni di ingenti capitali, un flusso di denaro da e per altri conti, anch’essi intestati a soggetti fittizi, per un volume superiore ai 2 milioni di euro.
La particolarità, inoltre, era costituita dal fatto che tutte le causali dei versamenti derivavano da procedure esecutive contro la Regione Campania, avviate in nome di aventi diritto al credito riconosciuto dall’articolo 26 della legge regionale nr. 11 del 15 marzo 1984.
Questo tipo di credito equivale ad un contributo economico corrisposto nei confronti delle famiglie che provvedono direttamente all’assistenza di soggetti non autosufficienti portatori di handicap psico-fisici gravissimi, incapaci di provvedere ai propri bisogni primari e per i quali è necessaria un’assistenza intensa e continuativa. Pertanto, gli obiettivi che la legge si prefigge di raggiungere sono, tra gli altri, l’alleviamento delle condizioni di vita della famiglia dell’handicappato, la predisposizione di un ambiente idoneo alla vita dell’handicappato e la copertura di spese particolari e documentate per le quali non sono previsti altri tipi di provvidenze.
Approfondendo il filone investigativo, gli uomini della Tenenza di Sant’Angelo dei Lombardi hanno potuto appurare che un avvocato beneventano, con false procure e notizie mendaci agli assistiti, attraverso l’ausilio di altri soggetti senza scrupoli, si sostituiva ai reali aventi diritto. In sintesi, le indagini hanno permesso di evidenziare come, dopo l’ottenimento di una pronuncia favorevole da parte del T.A.R. con la quale veniva accertato il credito nei confronti della Regione Campania, l’avvocato ha proposto uno specifico ricorso per decreto ingiuntivo, ottenendo l’ingiunzione di pagamento e l’atto di precetto che venivano notificati in forma esecutiva alla Regione Campania.
Successivamente, una volta ottenuto l’atto di pignoramento presso terzi, il Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Napoli ha emesso le ordinanze di assegnazione delle somme spettanti a soddisfacimento del credito che veniva notificato al San Paolo Banco di Napoli Spa (Tesoriere della Regione Campania). L’Istituto di credito emetteva per ogni ricorrente due assegni circolari di cui uno intestato direttamente all’avente diritto ed uno all’avvocato per l’onorario. Il tutto all’insaputa dei familiari dei portatori di handicap.
A questo punto, mediante falsi documenti, anche grossolanamente alterati e a volte la compiacenza di alcuni dipendenti bancari, come nel caso della filiale di un importante Istituto di Credito in Benevento, venivano incassati i titoli di credito che, come si era scoperto fin dall’inizio, divenivano un flusso di capitale che attraverso varie identità false finiva per confluire nelle tasche del sodalizio criminale.
La Guardia di Finanza, convocati gli interessati, ha avuto modo di evidenziare come i componenti del sodalizio, per lo più avvocati beneventani, li tenessero deliberatamente all’oscuro dell’andamento della causa nei confronti della Regione Campania.
In alcuni casi addirittura ai legittimi destinatari delle somme veniva richiesto di sottoscrivere un accordo per un corrispettivo di molto inferiore rispetto a quello erogato, adducendo l’impossibilità di ottenere altro e applicando la clausola che non avrebbero più avuto null’altro a pretendere se la Regione in futuro avesse elargito ulteriori somme.
Un raggiro ai più deboli e bisognosi, che ha coinvolto personaggi già benestanti ma senza scrupoli che non hanno esitato a infierire su famiglie già provate da un’esperienza difficile come quella di un handicap gravissimo, discorrendosi di poliomelite, paraplegia, meningite, sindrome di Down, sclerosi multipla, tetraparesi spatica, poliomelite, trisiomia 21, sindrome di Aicardi-igenesi parziale del corpo calloso, paresi spastica, epilessia.

In parallelo a questo tipo di attività, sviluppata nei confronti di 54 persone e per un valore totale di oltre 2,2 milioni di euro, ce n’è un’altra di identiche caratteristiche perpetrata nei confronti di 41 nuclei familiari: grazie all’intervento della Guardia di Finanza la truffa non è stata portata a termine, evitando così la sottrazione di ulteriori 2 milioni di euro.

Le persone destinatarie dei provvedimenti restrittivi sono:
Giuseppe Lamparelli, nato nel 1955 a Benevento, responsabile della filiale di un importante Istituto di Credito in Benevento, ordinanza di custodia cautelare (in carcere);
Mariantonietta Calligaro, nata a Benevento nel 1960 e residente a San Giorgio del Sannio, avvocato del Foro di Benevento, ordinanza di custodia cautelare (arresti domiciliari);
Vincenzo Lamusta nato a Roma nel 1974 ed ivi residente, ordinanza di custodia cautelare (arresti domiciliari);
Tullia Bartolini, nata nel 1965 a Benevento ed ivi residente, funzionario presso la filiale di un importante Istituto di Credito in Benevento, avvocato del Foro di Benevento, provvedimento restrittivo della libertà personale (obbligo di firma).

La fase finale dell’operazione è scattata all’alba di stamani con l’esecuzione delle ordinanze ed ha visto operare congiuntamente sia gli uomini della Tenenza di Sant’Angelo dei Lombardi (il reparto che, agli ordini del tenente Massimo Devito, ha sviluppato gli accertamenti di tutta la fase dell’indagine) ed i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Benevento.
L’operazione è tuttora in corso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here