Basket-Avellino perde,Bologna cade a Teramo.Con Biella ultima chance

0
3

La possibilità di chiudere in anticipo il discorso salvezza, evitando di arrivare con la tensione alle stelle all’ultima giornata. Questo era il prologo di Lottomatica Roma-Air Avellino. La gara ha visto i biancoverdi cedere 87-64, mentre Teramo ha superato in volata la Virtus Bologna. Ancora una volta fatale l’ “amico” Markowski, sempre generoso con le dirette concorrenti degli irpini, non regalando mai nulla alla sua ex società. Tutto rimandato a domenica prossima, quando Teramo, Reggio Emilia, Upea e Scandone affronteranno l’ultimo e decisivo turno di questo pazzo, mediocre campionato. Ci si ritrova,più o meno, nella stessa situazione dello scorso anno, ma questa volta si spera che il finale possa essere diverso. Contro Roma si è vista un’Air stanca ed impacciata nel primo tempo, dove hanno fatto la differenza le percentuali al tiro. Nel primo quarto i capitolini hanno tirato con il 50% da tre, nel secondo con il 29%. Questo ha fatto la differenza, oltre ad una squadra irpina più grintosa e sanguigna, con un ottimo Dorkofikis che sembra aver superato il dramma di Bologna.
Ma alla fine nonostante gli onorevoli primi 20’Avellino si è dovuta piegare allo strapotere tecnico, ma soprattutto fisico di Roma. La squadra di Repesa nella ripresa ha fatto una grande difesa e Hawkins ha tenuto Curry a 0 punti.
LA CRONACA: Roma al completo e con problemi d’abbondanza. In quintetto base per la squadra capitolina vanno: Hawkins, Chatman, Bodiroga, Lorbek, Askrabic. Avellino ha un Jamison in infermeria per il problema alla caviglia. Boniciolli lo sostituisce nel quintetto di partenza con Maioli. Assieme al reggiano ci sono Zimmerman, Curry, Strong, Radulovic. La palla a due è di Avellino, ma è Bodiroga a frustare per primo la retina con un tiro da tre punti. Maioli impatta per Avellino con un gioco da tre punti. I biancoverdi per sopperire alle rotazioni ridotte si schierano subito con 3-2 che però viene ben attaccata dalla solida squadra giallorosa, che con Chatman, Askrabic e Hawkins punisce da fuori. Nell’aria poi c’è Lorbek a fare la voce grossa e i capitolini vanno sul più 10 (20-10) costringendo Boniciolli al time-out. Il primo periodo termina con i giallorossi in vantaggio 25-16. I secondi dieci minuti si aprono con un parziale di 6-0 per i padroni di casa che volano sul 31-16. I biancoverdi fanno fatica a trovare la via del canestro, continuando a spadellare dalla distanza pur trovando delle buone soluzioni con tanto spazio. Radulovic prova a svegliare i suoi compagni di squadra, ma la squadra allenata da Ripesa non è la VidiVici, è un team tosto che difficilmente ha cali di concentrazione. Avellino però ci crede e trascinata da Dorkofikis e con il contributo di qualche adeguamento difensivo torna a galla. Con un 14 a zero di parziale i bianoverdi si riportano sul meno 1 (31-30). È Chatman a spegnere il digiuno Lottomatica con un bel canestro in penetrazione. Repesa è costretto a rimettere in campo tutti i pezzi da novanta a disposizione. Il coach capitolino decide di passare a zona, per approfittare delle cattive percentuali avellinesi. Dall’altra parte è Rigetti su una dormita di Curry a frustare la retina, riportando i suoi in vantaggio 36-33. I primi venti minuti terminano con Curry che sbaglia il tiro del sorpasso e con i romani in vantaggio 37-36. Nel terzo periodo Avellino ha tre possessi per passare in vantaggio, ma non vengono sfruttati. Così prima Lorbek e poi Chatman cercano di scaldare Roma e il freddo pubblico di fede giallorossa. Più 6 Lottomatica 42-36 time-out Boniciolli. Radulovic sembra in giornata a differenza di Curry. Ma sembra davvero super è ancora Chatman che punisce da tre in ogni occasione. Si sveglia anche l’altro moro Hawkins che con una schiacciata manda tutti in visibilio, poi una banale palla persa di Avellino causa un fallo antisportivo. Lottomatica in un amen più 12 (55-43) con difesa e contropiede. Per la Scandone è rottura prolungata, mentre Hawkins va ad inchiodare un’altra schiacciata di rara bellezza nel canestro degli irpini. Roma più 17(60-43). Fino terzo periodo 66-46 per i padroni di casa. Il quarto è tutto dei giallorossi che fanno spettacolo, mentre Bonciolli come a Cantù, fa riposare i suoi giocatori migliori, regalando tanti minuti a Pippo Frascolla, che mette a segno 5 punti. Si chiude con il punteggio 87-64 per Repesa ed i suoi. Per la salvezza tutto rinviato a domenica. Ci vorrà una giornata da lupi. (l’inviato Giovanni La Rosa)

Virtus Lottomatica Roma: Giachetti 6, Hawkins 11, Tonolli 13, Rigetti 13, Bodiroga 10, Stefansson 8, Lorbek 8, Garri 3, Chatman 21, Garbini, Chiacig, Askrabic 7 All. Jasmine Repesa

Air Scandone Avellino: Radulovic 19, Jamison, Curry, Strong 2, Cerullo, Petrov2 , Dorkofikis 11, Rossetti 2, Zimmerman 4, Maioli 9, Frascolla 5, Lisicky 10
All. Matteo Boniciolli
Arbitri: Lamonica-Lo Guzzo-Ursi
Parziali: 25-16; 37-36; 66-46; 87-64

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here