Baiano, vicenda Cimitero: la nota di Carlo Mascheri (Fratelli d’Italia)

Baiano, vicenda Cimitero: la nota di Carlo Mascheri (Fratelli d’Italia)

10 Maggio 2020

Baiano, la nota del consigliere comunale di Fratelli d’Italia ed ex sindaco Carlo Mascheri.

Baiano è notoriamente un paese evoluto e civile. Ha una felice posizione geografica e può vantare molte qualità peculiari. Una fra tutte è, senz’altro, una spiccata sensibilità sociale. A partire dal nostro primo cittadino. Varie volte si è notato e apprezzato, nella sua persona, questa lodevole caratterista. Sfiorando, per poterla continuamente esercitare, addirittura conseguenze di natura giudiziaria.

Allora, se questa proprietà è connaturata nel proprio essere del nostro primo cittadino, perché nello stesso, talvolta si nota, nell’esplicarsi una sorta di corrente alternata? Ancor di più, un doppio e contrario senso nell’esprimersi?

Vogliamo spiegarci concretamente. Oggi 10 maggio ricorrenza della festa della Mamma, intesa come origine di vita e come richiamo alla Madonna, un dubbio ci arrovella. Qual è il motivo e la necessità di avere il Cimitero chiuso a Baiano? Sarebbe stato un vero atto d’amore, per tutti noi, poter lasciare un fiore e una preghiera a chi ci ha dato l’esistenza. Non sarebbe accaduto nulla di catastrofico.

Il Camposanto nostrano è capiente abbastanza da poter contenere chi aveva bisogno di un momento di raccoglimento. Ed i suoi visitatori, maturi e responsabili nella misura giusta. Perché in una eventuale apertura non era possibile intravedere uno spiraglio per un’alba di ripresa economica? Anche se minima, è un inizio. Invece nulla è successo. La sensibilità oggi ha fatto cilecca. Noi ,amaramente, l’abbiamo registrato.