Bagnoli – Stragi del sabato sera: muoiono tre giovani ragazzi

1 Gennaio 2006

Era il 9 ottobre 2005: un sabato sera trascorso in discoteca si è concluso tragicamente per una comitiva di Bagnoli Irpino. Hanno deciso di andare a ballare al “Manhattan” di Contrada Oppido, nelle campagne di Lioni: Stefano Chieffo, Salvatore Nicastro, Annalisa Cella, Aniello Della Polla e Carmine Dell’Angelo, insieme ad altri amici che li avevano raggiunti a bordo di una Fiat Bravo. Hanno ballato, scherzato, per tutta la notte. E dopo aver trascorso la serata all’insegna della divertimento, intorno alle 4 hanno deciso di fare ritorno a casa. Ore 3.50: la comitiva entra nella Golf ed imbocca una vecchia stradina, che collega Contrada Oppido alla località Gavitoni. Una sorta di interpoderale, ricca di curve, a carreggiata molto stretta ed in alcuni tratti, molti dei quali in salita in direzione Laceno, pericolosa. Una scorciatoia per ritornare prima a casa. Dopo tre chilometri circa, Aniello ha perso il controllo della sua Golf proprio all’altezza, dopo un percorso in salita, di una curva: l’autovettura si è schiantata, prima contro un muretto di cemento per poi ribaltarsi su se stessa più volte e per finire la corsa sull’altro capo della strada. Un impatto violentissimo. E’ stato solo per caso che gli altri amici, che erano a bordo di una Fiat Bravo, non siano rimasti coinvolti nell’incidente stradale. Uno scenario raccapricciante, indescrivibile. Dopo le prime cure del caso, i soccorritori hanno trasportato al “Moscati” Carmine ed Aniello mentre si è fatto di tutto per strappare alla morte la 22enne Annalisa ma, dopo poco, il suo cuore ha smesso di pulsare. A perdere la vita anche il 17enne Stefano, studente del Liceo Scientifico di Montella con la passione per il calcio ed il 18enne Salvatore, che si sarebbe diplomato all’Itis di Bagnoli.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.