Avvocato accusato di falsa testimonianza: assolto dalle accuse

0
2143

AVELLINO- Assolto perche’ il fatto non sussiste dall’accusa di falsa testimonianza davanti al Tribunale Collegiale di Avellino nell’aprile del 2021. Si è chiuso così il processo ad un avvocato, difeso dal penalista Carmine Ruggiero, finito sotto accusa per una deposizione resa davanti al collegio del Tribunale di Avellino nei confronti di due soggetti (condannati in primo grado) che avevano estorto con la forza una firma per una quietanza liberatoria ad un altro avvocato, che era stato anche colpito dai due. Nel corso del processo davanti ai giudici del Tribunale di Avellino, il professionista scagionato dall’accusa, avrebbe riferito che uno dei due imputati gli aveva consegnato il 3 settembre del 2013 una quietanza liberatoria riferita a somme che sarebbero state versate al legale. Di fatto secondo le accuse un modo per retrodatare la firma della quietanza esporta, fatto avvenuto il 9 settembre del 2013. Da qui dunque l’accusa di aver reso falsa testimonianza. Nel corso del processo davanti al giudice monocratico del Tribunale di Avellino e’ emerso invece che la quietanza liberatoria a cui faceva riferimento il legale finito sotto processo per falsa testimonianza risalissse in realtà al precedente mese di aprile e non aveva attinenza con quella del 9 settembre 2013. Una tesi, quella portata in aula dalla difesa che, seppure non ha convinto la Procura (che aveva invocato una condanna ad un anno) ha invece visto d’accordo il giudice monocratico, che ha mandato assolto l’avvocato con la formula piena.