Avellino, senti Rosato: “Io sindaco? Mai dire mai. Occorre evitare il commissariamento”

0
48

“Io sindaco di Avellino? Sono solo voci che ogni tanto si rincorrono. Ma mai dire mai…”.

Così Pino Rosato, manager uscente del Moscati di Avellino che a margine del passaggio di consegne odierno col nuovo direttore generale Angelo Percopo, incalzato dai cronisti locali, replica così rispetto ai boatos che lo vorrebbero in campo sin dalle prossime amministrative della città capoluogo.

“Certo – dice Rosato – Non esiste un uomo adatto a tutte le stagioni ma quando ci sono energie, volontà e una richiesta popolare alla base di una possibile discesa in campo, non ci si potrebbe tirare indietro”.

Per Rosato, ad Avellino occorre “… un programma di fine consiliatura per concludere questo percorso amministrativo”,  per scongiurare il commissariamento che “… rappresenta un momento deleterio per la città”.

Alla domanda, “… cosa farebbe Rosato sindaco di Avellino per il Moscati”, il diretto interessato parla di un impegno più incisivo delle istituzioni per accelerare “… tutte quelle situazioni che hanno rallentato lo sviluppo dei servizi e, non ultimo, rinvigorire la classe medica cittadina perché l’età media dei dipendenti, ad oggi, è oggettivamente alta”.

Assunzioni che per Rosato debbano seguire la strada della meritocrazia e delle capacità gestionali.

Se questo prospetto riuscisse a realizzarsi per il papabile candidato sindaco di Avellino, “Il Moscati diventerebbe la prima struttura campana”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here