Avellino – Pescara, il pagellone dei lupi: illusione tra i fischi per Castaldo

0
16

IL MIGLIORE. Castaldo 6 – Spezza l’incantesimo realizzativo dopo 347 minuti tra i fischi dei suoi tifosi che non gli perdonano le mani portate alle orecchie. E’ il tramonto dell’idillio tra il bomber e la piazza. Resta uno squillo di pregevole fattura .

Frattali 5 – Altre tre sberle in pieno viso che bruciano. Avrebbe potuto fare qualcosa di più per parare la terza.

Pisano 5,5 – Si presenta in forma smagliante con quattro sgroppate condite da altrettanti cross in venti minuti. Troppa libertà di pensiero però per Caprari quando sigla l’1-0 (dal 33’ st Pucino sv).

Rea 4,5 – Irritante e a rischio espulsione in prossimità del triplice fischio. Non la vede mai quando i funamboli avversari dialogano palla a terra.

Biraschi 5 – Lapadula lo fa ammattire quando decide di alzare il ritmo. La rete del 10 biancazzurro nasce da un suo errato disimpegno.

Chiosa 5 – Sovrastato da Lapadula in occasione del secondo gol. Non è l’uomo adatto per sovrapporsi sulla fascia e generare spinta.

Insigne 5 – Crea le premesse per la sassata di Castaldo. E’ uno dei pochissimi lampi di una partita trascorsa spalle alla porta senza mai superare l’esordiente Ventola nel primo tempo, e dietro le punte con sporadico costrutto nella ripresa.

D’Angelo 5,5 – In affanno nel primo tempo, intraprendente nel secondo quando Aresti lo mura con un miracolo e mette due palle pericolose al centro in propensione offensiva.

Arini 5 – In ritardo il suo raddoppio sul tiro dell’1-0 di Caprari. Troppa qualità in mediana per il Pescara. La sua è una partita di costante sofferenza. (dal 21’ st Paghera 5,5 – Un palo non basta a salvare una prestazione non brillante a centrocampo)

Visconti 5 – Ci capisce davvero poco per tutto il primo tempo. L’esperimento di schierarlo alto a sinistra da parte di Marcolin non paga. Un paio di cross, entrambi fuori misura. (dall’1 st Sbaffo 5,5 – Più qualità in mezzo al campo ma solo in avvio di ripresa. Rendimento incostante nell’arco della sua gara).

Mokulu 5 – Non riesce ad imporsi con la sua stazza imponente su Mandragora. Spreca un paio di occasioni per scarsa coordinazione. Mister doppia cifra non cambia le carte in tavola.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here