Avellino, Di Gaudio fa esplodere il Partenio-Lombardi: Turris battuta 1 a 0

0
6130

Un lampo di Totò Di Gaudio a cinque minuti dalla fine regala tre punti all’Avellino che agguanta il Catanzaro al secondo posto in classifica. Dopo un primo tempo abbastanza noioso i lupi nel secondo tempo dominano sfiorando più volte il goal che arriva quasi allo scadere.

In un primo tempo quasi privo di emozioni l’Avellino appare abbastanza sotto tono con la Turris che si limita a contenere la squadra allenata da Carmine Gautieri. La migliore occasione capita sui piedi di Kragl che a due passi dalla porta spara alto su un perfetto cross di Aloi. Per la squadra ospite da segnalare un tiro da fuori area di Longo che però termina alto con Forte che controlla la traiettoria della palla.

Nel secondo tempo l’Avellino è più propositivo e incisivo. La prima palla goal arriva dopo soli tre minuti con Mignanelli che da buona posizione, di testa, non centra la porta. Poi l’Avellino al decimo rischia con Aloi che, nella propria area di rigore, nel tentativo di rinviare colpisce Longo che cade a terra, l’arbitro lascia proseguire. Il tempo scorre veloce e l’Avellino non riesce a sfondare. Mister Gautieri inserisce Di Gaudio che al 27′ fa le prove generali del goal: colpo di testa con palla di poco al lato. Poi è Bove che da buona posizione manda alto. La Turris non sta a guarda e sfiora il colpaccio con Tascone che spara alto da buona posizione. Mentre sembra avviarsi verso una nuovo pareggio è un lampo del neo entrato Di Gaudio a far esplodere lo stadio: il fafantasista palermitano, dopo aver puntato Andrea Sbraga, batte Perina sul palo destro correndo poi a festeggiare sotto la sud.

Per l’Avellino è la fine di incubo: tre punti fondamentali e Catanzaro agguantato a tre giornate dalla fine della regular season. Ora l’Avellino domenica dovrà fare visita al Bari, neo promosso in B, e cercare di mantenere il passo delle migliori per posizionarsi nel modo migliore nella griglia playoff.