Avellino – Di Cicilia ‘chiede’ sfiducia individuale per Minichiello

0
5

Il rappresentante di “Città Visibile” Ernesto Di Cicilia presenterà una mozione di sfiducia ‘individuale’ contro l’assessore Giuliano Minichiello. Alla mozione ha già dato la propria adesione Giovanni D’Ercole, capogruppo di Alleanza nazionale, che pubblicamente si ringrazia per la condivisione dell’iniziativa. Rivelatosi inadeguato alla delega conferitagli sei mesi fa, Minichiello è stato protagonista assente di una politica culturale priva di originalità, serietà e concretezza. Evitando, accuratamente, di affrontare questioni essenziali per lo sviluppo di una progettualità unitaria, capace di orientare i mutamenti socio-antropologici ed urbanistici che investono la città di Avellino, lo scialbo assessore si è rinchiuso in un lavoro impiegatizio, connivente ed interamente adagiato sulle inconcludenti quanto ridicole proposte del sindaco degli spot. Si pensi che per le costosissime e mai rendicontate “Notti del Cinema”, su cui si auspica un controllo della Guardia di finanza, si è fatto estromettere interamente dal notoriamente dotto assessore al commercio, da dilettanti allo sbaraglio e da taluni operosi impiegati comunali. Minichiello è assente, tra l’altro, sulla non risolta questione Teatro “Carlo Gesualdo” – davvero fuori da ogni decenza la nota copia della bozza di trasformazione presentata al Consiglio comunale come lavoro proprio durato, a suo dire, “vari mesi” – ed imperterrito resta in un imbarazzante quanto drammatico silenzio. Pronto ad impossessarsi, senza pudore, di idee non proprie (vedi la presentazione di delibera consiliare relativa alla Carta europea per la partecipazione dei giovani alla vita amministrativa e regionale nonché la proposta di costituzione del Museo diocesano), Minichiello deve essere sfiduciato per palese impreparazione al governo della cosa pubblica. Il promotore auspica che il Consiglio comunale voti la mozione unicamente per ridare alla città una politica culturale e un riconoscibile senso della serietà istituzionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here