Avellino – ‘Coppelia’, il Teatro Gesualdo accoglie Raffaele Paganini

4 Gennaio 2006

Raffaele Paganini: uno dei maggiori nomi nel campo della danza si esibirà domani e venerdì sul palco del teatro Carlo Gesualdo di Avellino. In programma il balletto in due atti dal titolo “Coppelia”, con le coreografie di Luigi Martelletta e le musiche di Leo Delibes. L’appuntamento è alle ore 21 per domani, giovedì 5 gennaio, e alle ore 18 per venerdì 6 gennaio.

La storia

La storia è ambientata negli anni 50/60 quando il cinema simboleggiava il sogno, rappresentava le illusioni, alimentava la fantasia delle generazioni dell’epoca. In una piccola città di provincia, Swanilda vive la sua quotidianità che apparentemente si limita alle amiche e al fidanzato, mentre custodisce nell’interno il desiderio di realizzare sogni legati al mondo del cinema. L’incontro con Coppelius, un uomo affascinante che vive insieme ad una bellissima creatura meccanica dalle sembianze umane di donna fatale, le rivelerà tutto ciò che lei aveva concepito unicamente con la fantasia. Quando entra nel suo appartamento (laboratorio) tappezzato di foto e poster di splendide dive, le si apre quel mondo fino a quel momento solo immaginato: dapprima viene coinvolta in un gioco di emulazione di coloro che sono le seducenti protagoniste del cinema, poi via va si appropria delle caratteristiche artistiche di ciascuna. Il suo percorso di fanciulla dai sogni di gloria inespressi ma profondi, si unirà a quelle di Coppelius, cineasta appassionato e esigente. Coppelius le darà la sua approvazione artistica ed ella andrà a far parte del mondo del cinema. Riuscirà a concretizzare i suoi sogni? Nello spettacolo sono rappresentate e contrassegnate le molteplici personalità della donna, e in particolare viene approfondita ed esaltata la caratterizzazione dell’uomo con i suoi percorsi di vita e i spazi interiori. Il ruolo maschile, filo conduttore di questa versione (Coppelius Raffaele Paganini) mette in risalto la complessità del personaggio ed è la chiave di lettura dello spettacolo.

RAFFAELE PAGANINI

Inizia i suoi studi all’età di 14 anni presso la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e dopo soli quattro anni entra a far parte del Corpo di Ballo dell’Ente in qualità di solista prima e di étoile attualmente. In questi anni diventa molto popolare in Italia anche grazie alle sue numerose apparizioni televisive in programmi di grande ascolto quali “Fantastico 2”, “Il cappello sulle ventitré”, “Al Paradise”, “Pronto chi gioca”, “Europa – Europa”. Come étoile ospite balla con svariate compagnie quali: London Festival Ballet, Ballet Theatre Francais de Nancy, Opera di Zurigo, Ballet Concerto de Puerto Rico, Teatro alla Scala di Milano, Teatro San Carlo di Napoli. Dall’88 ogni anno partecipa al Gran Galà di Stelle che si svolge in Canada. Nella sua carriera ha ballato con grandi ballerine italiane e straniere, tra cui: Carla Fracci, Luciana Savignano, Gabriella Cohen, Oriella Dorella, Elisabetta Terabust, Raffaella Renzi, Alessandra Ferri, Maya Plisseskaya, Galina Samsova, Eva Evdokimova, Katherine Healy, Trinidad Sevillano, Isabel Guerin, Valentina Koslova, Eleonora Cassano, Aranxa Arguelles, Galina Panava, Grazia Galante. Inoltre dimostra di possedere capacità recitative e musicali interpretando i musical. Nella stagione ’95 -’96 è stato protagonista dei musical “Un Americano a Parigi” con Rossana Casale e, con l’Opera di Roma, di una creazione di Mauro Bigonzetti ispirata a “Cenerentola”. Nelle stagioni 1996/97 e 97/98 è protagonista del musical “Cantando sotto la pioggia” della Compagnia della Rancia con la regia di Saverio Marconi e nella stagione 98/99 del musical “Sette spose per sette fratelli”, sempre con la regia di Saverio Marconi. Inoltre, nelle ultime stagioni estive, è stato impegnato nelle repliche del “Don Chisciotte”, e del balletto “Zorba il greco” con le coreografie di Lorca Massine su musiche di Teodorakis, che dal 1992 rappresenta in tutto il mondo.Per il Teatro dell’Opera di Roma, nel 1998, è protagonista de “Il pipistrello” di Strauss. Nel 2000 è in tournée con la seconda edizione di “Sette spose per sette fratelli”, con “Momenti di Tango” e “Carmen” con le coreografie di L. Martelletta e le musiche di Astor Piazzola. Sempre nel 2000 debutta come protagonista nel nuovo musical di Saverio Marconi “Dance!”. Tra i numerosi riconoscimenti e premi ricordiamo: Premio Bordighera, Premio Postano, Gonfalone d’Oro, Ulivo d’Argento, Premio Giovannini, Premio Cecchetti, Premio Platea d’Estate, Premio Gino Tani.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.