Avellino Calcio – Adesso Verde sogna l’azzurro dell’Under 21

0
5

A disagio con Domenico Toscano, coccolato da Walter Novellino. C’è tanto Daniele Verde nella risalita dell’Avellino che ieri ha messo il punto esclamativo sulla vittoria ai danni del Verona con il sinistro del suo folletto. Innegabile la complicità del portiere sulla conclusione da fuori area, ma il sesto sigillo in stagione vale come regola aurea della migliore stagione della carriera del fantasista di Fuorigrotta.

Un bottino condito da tre assist in venti presenze – non tutte da titolare – e che ha consegnato a Daniele Verde la leadership realizzativa della formazione biancoverde. L’abnegazione e il sacrificio al di là dei numeri, che sono senza dubbio importanti ma non rendono a pieno l’idea del rendimento offerto dal talento scuola Roma sotto la nuova gestione tecnica.

Daniele Verde crea tra le linee e sull’esterno, nel 4-4-2 o nel 4-1-4-1, e allo stesso tempo non si risparmia nel dare una mano alla fase difensiva (in alcuni casi producendosi in diagonali da terzino puro). Il rovescio della medaglia è una lucidità non sempre al top nell’uno contro uno oppure quando si tratta di inventare, ma al numero sette biancoverde va riconosciuto il fatto di non aver trovato mai la giusta collocazione in un contesto tattico variato rispetto alle iniziali intenzioni di tridente offensivo che più si addice alle sue caratteristiche.

Daniele Verde non si è perso d’animo e nello scacchiere di Walter Novellino si è ritagliato il suo spazio determinando, pur peccando a volte di continuità. Peccati di gioventù che soccombono al cospetto di numeri che non sono passati inosservati al selezionatore della B Italia Massimo Piscedda. Martedì Verde sfiderà l’Under 20 di Alberico Evani con la rappresentativa cadetta con l’obiettivo di riconquistare l’azzurro dell’Under 21.

Luigi Di Biagio, si sa, è molto attento al laboratorio della B Italia che in passato ha arruolato anche Davide Biraschi poi convocato dal ct degli azzurrini. Il sogno di Verde sarebbe ritrovare l’Under 21 (due presenze collezionate nel 2015) per l’Europeo di giugno in Polonia. Se non dovesse arrivare la chiamata nell’immediato, il discorso sarebbe rimandato al nuovo ciclo in ottica Euro 2019. Il biancoverde dell’Avellino, l’azzurro Italia e il giallorosso della casa madre Roma: quante tinte colorano il magic moment di Daniele Verde.