Calcio – Rissa e violenza: giro di vite della Digos contro gli ultrà del Cesena

Calcio – Rissa e violenza: giro di vite della Digos contro gli ultrà del Cesena

23 Dicembre 2015

E’ giunta a compimento la prima fase delle indagini relative ai tafferugli tra opposte fazioni che hanno fatto da anticamera alla sfida tra Vicenza e Cesena dello scorso 21 novembre.

La Digos di Vicenza ha infatti individuato dodici ultrà della squadra romagnola per i quali sono scattate le denunce e sarà emesso nelle prossime settimane il Daspo da tre a cinque anni. Al vaglio la posizione di altri nove ultrà cesenati.

I tifosi del Cesena, identificati e deferiti all’autorità giudiziaria grazie all’attività investigativa condotta dalla Digos attraverso l’ausilio dei filmati del circuito di videosorveglianza, si sono resi responsabili dei reati di rissa, possesso di oggetti contundenti in occasione di manifestazioni sportive, lancio di materiale pericoloso in occasione di manifestazioni sportive e getto pericoloso di cose.

I fatti. L’attività d’indagine ha consentito di accertare che, nonostante i ripetuti inviti rivolti alla tifoseria ospite di utilizzare come uscita autostradale il casello di Vicenza Est dove era allestito un servizio di bus-navetta per raggiungere lo stadio Menti, venticinque tifosi bianconeri raggiunsero, a bordo di sei autovetture, il parcheggio ospiti in modo isolato ed in largo anticipo rispetto al fischio d’inizio del match.

Dopo aver parcheggiato i propri mezzi, i sostenitori cesenati si diressero verso il bar “Stadio”, abituale ritrovo pre-partita della tifoseria vicentina. Una volta sul posto, i tifosi bianconeri, utilizzando come oggetti contundenti aste di bandiere in plastica dura, ombrelli e delle cinture dei pantaloni, aggredirono i tifosi vicentini dando così vita, all’esterno dell’esercizio pubblico, ad una colluttazione sedata solo dall’intervento delle forze dell’ordine che ricondussero i supporters del Cesena nel piazzale del settore ospiti.

La tifoseria del Cesena fu già colpita duramente in occasione dell’ultimo precedente con l’Avellino al Partenio-Lombardi datato 1 novembre 2014. In quella circostanza, un gruppo di quattordici supporters bianconeri si sistemò in Tribuna Montevergine Laterale senza essere in possesso della tessera del tifoso e aggirando il regolare sistema di vendita presentando documenti falsi.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.