Avellino Calcio – Novellino in difficoltà a centrocampo

0
22

Claudio De Vito – Walter Novellino tira un sospiro di sollievo per l’infortunio muscolare di Federico Moretti rivelatosi meno grave del previsto come evidenziato dagli appositi esami sostenuti ieri dal centrocampista dell’Avellino. Nessuno stiramento, soltanto una contrattura all’adduttore per il faro della mediana biancoverde costretto ad alzare bandiera bianca a pochi minuti dal fischio d’inizio di Avellino-Novara.

Un guaio non serio ma comunque tale da estromettere Federico Moretti dai giochi del “Libero Liberati” di Terni, dove i lupi saranno chiamati a riprendere la marcia salvezza di gennaio e febbraio. La rinascita a primavera però è intralciata da qualche acciacco di troppo riguardante un altro perno della zona nevralgica del campo, Fabrizio Paghera, che da inizio settimana si è messo all’opera per recuperare in vista dello snodo salvezza in Umbria.

Corsa, programma personalizzato e pallone per l’ex Lanciano le cui condizioni verranno ulteriormente monitorate nell’arco della doppia seduta odierna. Già domani a Montemiletto nel consueto test di metà settimana con la Primavera si capirà se Fabrizio Paghera sarà recuperabile ed in quale misura.

Intanto Walter Novellino sta preparando la sfida contro i rossoverdi con Angelo D’Angelo e Stephane Omeonga, ai quali il trainer di Montemarano alla ripresa ha illustrato i movimenti da effettuare per ingabbiare il trequartista avversario, nella fattispecie Cesar Falletti, in modo da non ripetere la disattenzione nel finale dell’ultima gara che stava per spalancare le porte del nuovo vantaggio a Gianluca Sansone.

Sono loro attualmente gli unici due superstiti della mediana con Richard Lasik al rientro largo a destra e Niccolò Belloni sul fronte opposto. Scalpita Soufiane Bidaoui, che ha finalmente dimostrato di poter incidere anche se le sue caratteristiche spiccatamente offensive ne sconsiglierebbero a Walter Novellino l’impiego dall’inizio nel 4-4-1-1 che fa dell’equilibrio tattico e dell’organizzazione d’insieme le sue prerogative di base.

Assai probabile dunque il ritorno all’antico con Daniele Verde a ridosso dell’unica punta Matteo Ardemagni che andrà comunque valutato in giornata alla luce dello stop muscolare di ieri. Stando così le cose, Luigi Castaldo tornerebbe ad accomodarsi in panchina ed il tridente in corso d’opera di formerebbe con l’avanzamento di Richard Lasik. In difesa Lorenzo Laverone tornerebbe a sinistra come deciso da Walter Novellino prima che il forfait di Federico Moretti scombussolasse i suoi piani nell’ultima partita.