Avellino Calcio – Perché i tifosi biancoverdi devono entrare allo stadio in ritardo?

0
6

Perché i tifosi dell’Avellino in trasferta troppo spesso sono costretti ad entrare allo stadio in ritardo? La domanda la giriamo a chi di competenza. In attesa di ricevere una risposta – un atto dovuto nei confronti di quelle persone che fanno si sobbarcano sacrifici e chilometri in giro per l’Italia – tocca registrare l’ennesima beffa.

Oltre metà della tifoseria irpina presente ad Ascoli Piceno è giunta allo stadio “Cino e Lillo Del Duca” solamente al 16′ del primo minuto. Si tratta di quei tifosi che hanno raggiunto il capoluogo marchigiano dall’Irpinia con quattro torpedoni ed un pullmino (nella foto).

Il loro ingresso sugli spalti del settore ospiti è avvenuto poco dopo il 2-0 messo a segno da Benjamin Mokulu. Insomma, gli oltre duecento sostenitori giunti in ritardo non hanno potuto gioire insieme agli altri per il doppio vantaggio dei lupi.

polizia-ascoli-avellino-tifosiMa risultato a parte, l’acquisto del titolo di accesso per un evento sportivo (in tal caso dal costo di 15,50 euro per il settore ospiti) implica il pieno esercizio del diritto di assistervi dal primo all’ultimo secondo come uno spettacolo al cinema o al teatro.

E invece no. Questo sacrosanto diritto viene calpestato nel calcio e, nella fattispecie, ai danni dei tifosi dell’Avellino che meriterebbero maggiore rispetto. L’ingresso in ritardo allo stadio – che non si riscontra al Partenio-Lombardi dove la tifoseria ospite si sistema nel suo settore con largo anticipo rispetto all’orario d’inizio del match – non è ammissibile a prescindere dalle cause. Le risposte sul caso, quelle sì, sono ammesse, anzi dovute.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here