Avellino – Bilancio 2005: alla città le risposte di Galasso

30 Dicembre 2005

Avellino – 35 sedute di Consiglio comunale, di cui 4 andate deserte. 110 delibere, 84 riunioni di Giunta, 680 atti deliberati dall’Esecutivo: parte all’insegna dei numeri il bilancio 2005 dell’amministrazione Galasso. Un resoconto dettagliato che segue “il principio ispiratore” di una squadra che ha puntato il tutto per tutto nel rapporto con la popolazione. E la matrice della componente di centrosinistra alla guida di Palazzo di Città non poteva che essere la trasparenza. Una linea di condotta perseguita con ogni mezzo e in tutti i tipi di rapporti intercorrenti tra istituzioni, organi, popolazione ed enti. E il sindaco Galasso ha pensato davvero a tutto: se si continua ad insistere sul principio ‘verba volant scripta manent’, allora la fascia tricolore coglie la palla al balzo e, in sinergia con gli ‘addetti ai lavori’, lancia la prima nuova idea che vedrà la luce con l’alba del prossimo anno. Entro marzo la Casa Comunale lancerà un nuovo progetto editoriale: un magazine di approfondimento per ‘raccontare la città’. Una proposta che accompagna i progetti tracciati e già portati a termine. Nessuno ne dubitava ma il bilancio 2005 di Pino Galasso “…è nettamente positivo. Dopo una fase di stallo c’è stata la vera messa in moto della macchina amministrativa ed i risultati raggiunti sono encomiabili”. Se da un lato la positività fa da padrona, dall’altro il rammarico accompagna il momento di rilancio. Non poteva mancare, infatti, almeno un accenno alla situazione dell’Udeur. Un argomento per cui il primo cittadino ha ritenuto opportune delle precisazioni: “La sostituzione dell’assessore Iandolo è nata dall’esigenza espressa dal suo partito. Il sindaco ha svolto anche in questa circostanza un ruolo di mediazione. Ho invitato Iandolo prima a rientrare poi a restare in Giunta. L’esito della questione non è dipeso da me. Grande è la mia stima per Iandolo e altrettanto grande è il mio rammarico ma un sindaco non può fare orecchie da mercante rispetto ad una esigenza di partito”. Dopo i chiarimenti, d’obbligo in un momento tanto delicato, si centra la questione ‘all’ordine del giorno’. Come si chiude il 2005. Senza dubbio tra progetti portati a termine e nuove proposte. Un lungo elenco illustrato dallo stesso Galasso. Si parte dall’Autostazione… “un inter che ha determinato il trasferimento della proprietà della struttura dal Comune all’Air. Un collaudo che nei primi tempi si prospettava più semplice ma che si è poi rivelato oltremodo cavilloso”. La proposta di Giunta per il Puc: “…non è mai stata nostra intenzione ‘affossare’ lo strumento urbanistico e lo abbiamo dimostrato. In questa ‘partita’ è stato determinante il ruolo svolto dall’assessore Rotondi che si è prodigato in maniera cavillosa. Entro il 23 gennaio Avellino avrà il nuovo Puc”. Sotto i riflettori anche il Mercatone: 6 milioni di euro investiti per 6mila metri quadrati occupati da uffici e 800 nuovi posti auto. Dall’urbanistica ai trasporti con i minibus e la metropolitana leggera. “Il progetto è partito nel 2001. Abbiamo fatto tesoro di quanto ci è stato lasciato con il proposito di aggiungere qualcosa, sempre nella prospettiva del miglioramento”. Passi avanti anche per il settore ‘ambiente’: risanamento dell’ex Isochimica, meno sforamenti di Pm 10 grazie alle targhe alterne e ai minibus, potenziamento dei controlli in città da parte dell’Arpac. In via di perfezionamento anche la viabilità che tra parcometri e creazione di aree parcheggio dovrebbe, con il tempo, raggiungere il grado di efficienza previsto. Non potevano mancare poi i numerosi cantieri aperti per la riqualificazione cittadina, “…un processo lento ma efficace di ricostruzione post terremoto che vorrei si realizzasse in questi cinque anni di mandato”. E se il 2005 ha rappresentato l’anno dei progetti, il 2006 entra in campo come l’anno delle proposte. Quattro nomi per un’unica sfida: Global, Teatro comunale, Mattatoio, Cogenerazione. (di Manuela Di Pietro)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.