Avella – Mostellaria di Plauto: Rutelli invitato al Teatro Romano

0
14

Avella – A poche ore dalla messa in scena della Mostellaria di Plauto, prevista per questa sera alle ore 21.00 come secondo e conclusivo appuntamento di AmphitheatrumAbella 2007, si apprende che la funzionaria della Sovrintendenza ai Beni Culturali, dottoressa Teresa Cinquantaquattro, rispondendo ad un cronista che l’ha intervistata nella serata della rappresentazione di Maenecmi, ha lanciato un invito al Ministro Francesco Rutelli affinché visiti lo splendido sito archeologico che “rappresenta il fulcro di una più vasta riscoperta del ricchissimo patrimonio storico-artistico avellano”. L’orizzonte di senso dell’invito si comprende nel quadro del notevole impegno della Sovrintendenza competente per la migliore conoscenza e rivalutazione delle preesistenze archeologiche dell’area cui la rassegna teatrale di quest’anno, fortemente voluta dal sindaco, Domenico Salvi, sta indubbiamente dando un sensibile contributo di ulteriore valorizzazione. Naturalmente il discorso globale va ripreso nei tempi opportuni e secondo le modalità più adeguate, nel rispetto di quanti hanno davvero a cuore ed hanno effettivamente lavorato per il decisivo rilancio della ricchezza culturale che coincide con un autentico scrigno in gran parte da aprire con la dovuta cautela, l’intelligente programmazione e l’irrinunciabile sinergia interistituzionale. Per il momento, l’attenzione del sindaco Salvi e dei suoi tanti collaboratori è tutta concentrata nella messa a punto della macchina organizzativa che, come per l’esordio del 19 luglio scorso, dovrà funzionare al meglio, affinché il pubblico dei residenti e degli ospiti spettatori – provenienti, oltre che dall’ubertoso territorio irpino, anche da Napoli e da altre province campane – possa godere di una indimenticabile serata di divertimento grazie alle esilaranti interpretazioni che promette la Compagnìa Castalia diretta dal regista Vincenzo Zingaro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here