Atripalda Volleyball, è qui la festa: la B è in cassaforte

Atripalda Volleyball, è qui la festa: la B è in cassaforte

1 Aprile 2019

L’Atripalda Volleyball batte 3-1 Aversa ed è virtualmente salva. E’ soltanto una formalità infatti la matematica permanenza nel campionato di Serie B: la vittoria di ieri ha consentito alla formazione atripaldese di scavalcare addirittura Ischia e di attestarsi al decimo posto con undici punti di vantaggio sulla terz’ultima a quattro giornate dal termine. Quindi già da domenica prossima a Tricase i ragazzi biancoverdi potranno festeggiare.

Nella gara di ieri la tensione era palpabile perché da un lato c’era Aversa all’ultima spiaggia e dall’altro i padroni di casa che avevano un occasione imperdibile da sfruttare. Una partita che ha visto gli atripaldesi guidare sempre la gara ed avere un solo passaggio a vuoto, nel secondo set, che ha consentito agli ospiti di riaprire i giochi ma poi nel set successivo De Prisco e compagni non hanno lasciato scampo agli avversari.

Romano schiera la formazione tipo con De Prisco e Salerno a formare la diagonale di attacco, Rescignano e Cicatelli di banda, Mitidieri e Silvestri al centro e Conforti libero. Nel primo set c’è equilibrio in campo con errori da una parte e dall’altra ma sul finire del set i padroni di casa compiono il break decisivo che li porta a vincere 25 a 21.

Nel secondo set il copione è lo stesso con i biancoverdi avanti e Aversa ad inseguire sempre attaccata ma la buona vena dei centrali fa sì che Atripalda possa chiudere a proprio favore anche il secondo set con punteggio di 25 a 20. Nel terzo set quando l’Atripalda Volleyball sembra avere in pugno la gara c’è un piccolo passaggio a vuoto dei ragazzi di Romano che consentono ad Aversa di aggiudicarsi il set con il punteggio di 25 a 18.

Nel quarto set l’inizio fa temere il peggio con gli ospiti che si portano sul 4 a 0 ma i biancoverdi tornano a carburare e non c’è più storia: 25 a 17 il risultato finale. Atripalda può festeggiare mettendo un altro mattoncino pesante verso la salvezza.