Atripalda, Tari e Ausiliari del Traffico: il chiarimento del Sindaco

0
1909

“In questi giorni assistiamo alla diffusione di notizie false e tendenziose su Tari e Ausiliari del Traffico, che creano confusione tra i cittadini al fine esclusivo di denigrare l’amministrazione comunale. Pertanto, sento il dovere di fare chiarezza su tali argomenti”. Così in una nota il sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo.

Sulla Tari:

“Come ha già illustrato il vicesindaco Domenico Landi  – spiega Spagnuolo – durante l’ultimo Consiglio Comunale, le tariffe della tassa rifiuti, così come approvate in Aula, non hanno subito alcun rincaro, nonostante l’avvio della raccolta notturna. Il Piano Economico Finanziario 2024 prevede, invece, una riduzione di circa 65.000 euro annui. Pertanto, le tariffe sono diminuite e le famiglie beneficeranno di una riduzione in bolletta fino a 20 euro in base alla composizione del nucleo familiare”.

Riguardo gli Ausiliari del traffico:

“Gli ausiliari del traffico nel nostro ordinamento giuridico – spiega ancora Spagnuolo – nascono come aiuto alle pubbliche amministrazioni e, in particolare, alla Polizia Municipale per l’accertamento delle violazioni al Codice della Strada relative alla fermata e alla sosta.

La Legge li inquadra quali pubblici ufficiali con pieno potere di contestazione, redazione e sottoscrizione dei verbali di accertamento – le cosiddette multe – delle violazioni di cui agli artt. 7, 157, 158 del Codice della Strada.

Peraltro, la Legge 120/2020 ridefinisce queste figure come “accertatori del diritto alla mobilità” a tutela delle persone più fragili e contro la “sosta selvaggia”.

Alla luce di quanto espresso ed a tutela dei cittadini che rispettano le regole, si chiarisce definitivamente che gli ausiliari del traffico della Municipalizzata del Comune di Atripalda sono abilitati, con apposito decreto sindacale (emanato ai sensi dell’art. 12 bis cds), nelle sole aree oggetto di affidamento ed in quelle immediatamente limitrofe, ad elevare sanzioni in materia sia di strisce blu che di sosta e di fermata”.