Asl Av2 – Dalla rete contro la violenza un percorso di formazione

0
5

Avellino – “Dalla rete contro la violenza alle donne un percorso di formazione”, questo il titolo del convegno organizzato dalla Asl Avellino 2 e dalla Provincia di Avellino, con il patrocinio dell’Assessorato regionale alle Pari Opportunità. L’importante evento si svolgerà venerdì alle ore 10.00, presso la Sala Grasso dell’Ente Provincia.
Interverranno: Alberta De Simone, Presidente della Provincia di Avellino; Roberto Landolfi, Direttore Generale Asl Avellino 2; Giuseppe Rosato, Direttore Generale Azienda Ospedaliera Moscati; Cristina De Luca, Direttore Amministrativo Asl Avellino 1; Maria Luisa Pascarella, Direttore Sanitario Asl Avellino 2; Carlo Mele della Caritas di Avellino; Cosimo Conte, della Misericordia di Avellino; Carmine De Blasio, Presidente Consorzio Servizi Sociali A6; Stefania Jetti dell’ Associazione “Filo d’Arianna”; Rosarie Guerriero, Responsabile Unità Operativa Pari Opportunità Asl Avellino 2; Domenica Lomazzo, Consiglierà di Parità della Provincia di Avellino.
Nel corso del convegno sarà anche presentato il protocollo d’intesa, dedicato alla memoria della giovane Antonella Russo, realizzato con lo scopo di creare una rete territoriale per la presa in carico delle donne vittime di violenza. Al protocollo d’intesa, che ha ottenuto il patrocinio dell’Assessorato regionale alle Pari Opportunità, hanno aderito la Asl Avellino 2, la Asl Avellino 1, l’Azienda Ospedaliera Moscati, la Provincia di Avellino, l’Ufficio provinciale della Consigliera di Parità, la Prefettura di Avellino, l’Associazione Filo d’Arianna, la Misericordia provinciale, la Caritas diocesana e il Consorzio Servizi Sociali A6.
In base al protocollo saranno attivati “sportelli” e “punti di accoglienza”, dedicati alla memoria di Antonella Russo, presso il Pronto Soccorso del presidio ospedaliero di Solofra e presso il Pronto Soccorso degli ospedali di Ariano Irpino e di Avellino, nonché presso i Consultori familiari, con lo scopo di aiutare e sostenere le donne italiane e straniere che subiscono violenza fisica e psicologica. I soggetti che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa si impegnano, inoltre, ad elaborare progetti per l’implementazione della rete assistenziale, avviare specifiche campagne informative e di prevenzione, ad avviare attività formative per gli operatori, monitorare e valutare annualmente i risultati delle attività realizzate sul territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here