Ariano – Tentano truffa con i Gratta&Vinci: arrestati due giovani

0
6

Ariano – I Carabinieri della Compagnia di Ariano Irpino nell’ambito dei controlli disposti dal Comando Provinciale di Avellino per prevenire e reprimere il verificarsi di reati contro il patrimonio hanno arrestato due persone di Ariano Irpino con l’accusa di furto aggravato e truffa. L’operazione che ha portato ai due arresti è stata svolta nella flagranza del reato e anche questa volta è stata essenziale la collaborazione di testimoni che hanno dato utili indicazioni ai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Ariano. Due giovani, già noti alle Forze dell’Ordine, si sono introdotti in un bar di via Cardito dove hanno acquistato alcuni biglietti del Gratta&Vinci. Alcuni istanti dopo hanno chiesto alla titolare del bar, molto frequentato al momento, la somma vinta con i tagliandi acquistati. La titolare ha immediatamente pagato ai due la somma dovuta e ha continuato a servire gli altri clienti e i due che nel frattempo avevano chiesto alcune bibite. A quel punto i due giovani, di ventisette e venticinque anni, hanno aspettato che la titolare dell’esercizio si distraesse per rubare i biglietti vincenti dal bancone sul quale si trovava la cassa. Immediatamente hanno chiesto alla donna di poter riscuotere l’ulteriore denaro “vinto” con i biglietti già vincenti. La titolare del bar dopo aver pagato i primi biglietti si è accorta che la vincita richiesta era stata già riscossa e a quel punto i due si sono dati alla fuga. I Carabinieri si sono prontamente portati sul posto con due autovetture e mentre due militi deel Nucleo Operativo hanno ascoltato la titolare del bar e i testimoni del fatto reato, altri due agenti si sono lanciati all’inseguimento dei due fuggitivi. In pochi minuti il caso è stato risolto i Carabinieri hanno arrestato i due per concorso in furto aggravato e in truffa. Dell’arresto è stata data subito notizia al Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Ariano Irpino, Dott. Amato Barile e al Sostituto, Dott.ssa Michela Palladino. Espletate dunque le ultime formalità di rito i due sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Ariano Irpino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La titolare della rivendita ha ringraziato i Carabinieri intervenuti che le hanno ricordato quanto importante sia stata la sua collaborazione e quella della gente presente all’interno del suo bar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here