Ariano, la Polizia presenta agli studenti la brochure :“Questo non è amore”

0
858

ARAINO IRPINO: la Polizia di Stato incontra gli studenti per promuovere la campagna di sensibilizzazione finalizzata all’eliminazione della violenza sulle donne.

Nel giorno in cui è stata “celebrata” la giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne e le Questure sul territorio nazionale si sono illuminate in tarda sera di un suggestivo colore arancio in segno di vicinanza, la Polizia di Stato irpina ha rinnovato il proprio impegno nell’ambito della campagna di sensibilizzazione permanente “…questo non è amore” tesa a diffondere attraverso l’informazione e la prevenzione, la cultura del rispetto e della consapevolezza e la prevenzione.

Nella mattinata di ieri, 25 novembre, presso la sede distaccata dell’Istituto scolastico Ruggiero II di Ariano Irpino, ha avuto luogo un incontro con gli studenti delle classi V, nel corso del quale hanno partecipato il dirigente scolastico Massimiliano Bosco, l’Ispettore della Polizia di Stato Angelo Lanno ed il Vice Questore Maria Felicia Salerno, dirigente del Commissariato di Ariano Irpino.

Un incontro diretto, un faccia a faccia, tra gli studenti, i docenti scolatici ed il personale di Polizia che ha illustrato gli aspetti della campagna di sensibilizzazione.

Commissariato_Ariano_Salerno_LannoNel corso dell’incontro è stata distribuita la nuova brochure informativa “Questo non è amore”, elaborata dalla Direzione Centrale Anticrimine. Nella stessa sono indicati e spiegati, in maniera chiara e sintetica, tutti quei comportamenti che devono rappresentare un campanello di allarme per ogni donna. L’opuscolo illustra, inoltre, i diritti e le facoltà che le donne possono esercitare a tutela dei propri interessi nel caso di abusi e violenze subite.

Il Dirigente della Polizia di Stato Maria Felicia Salerno ha relazionato, inoltre, sull’Istituto dell’Ammonimento del Questore, al quale è possibile ricorrere in caso di stalking o di violenza allorquando non si intenda avviare un procedimento penale.
A conclusione dell’incontro è stato ribadito l’invito a rivolgersi tempestivamente, in caso di necessità, agli Uffici della Polizia di Stato ubicati sul territorio nonché alle strutture dislocate sul territorio preposta a fornire ogni utile sostegno.