Ad Ariano Irpino la 2^ Giornata Diocesana della Comunicazioni Sociali

0
5

“Nuove tecnologie, nuove relazioni. Promuovere una cultura di rispetto, di dialogo, di
amicizia” è il titolo del messaggio del Papa per la 53 a Giornata mondiale delle comunicazioni
sociali. Come tradizione, il testo del Messaggio del Pontefice è stato diffuso il 24 gennaio, in
occasione della ricorrenza di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti.
Il tema che il Santo Padre Francesco ha scelto quest’anno riguarda “le nuove tecnologie
digitali” le quali “stanno determinando cambiamenti fondamentali nei modelli di comunicazione
e nei rapporti umani. Questi cambiamenti sono particolarmente evidenti tra i giovani che sono
cresciuti in stretto contatto con queste nuove tecniche di comunicazione e si sentono quindi a
loro agio in un mondo digitale che spesso sembra invece estraneo a quanti di noi, adulti,
hanno dovuto imparare a capire ed apprezzare le opportunità che esso offre per la
comunicazione”. Nel messaggio di quest’anno, il pensiero del Santo Padre “va quindi in modo
particolare a chi fa parte della cosiddetta generazione digitale (…) Tali tecnologie sono un
vero dono per l’umanità: dobbiamo perciò far sì che i vantaggi che esse offrono siano messi al
servizio di tutti gli esseri umani e di tutte le comunità, soprattutto di chi è bisognoso e
vulnerabile”.
In comunione con la Chiesa universale e a partire dal tema indicato dal Santo Padre, la
nostra Diocesi organizza la 2 a Giornata diocesana delle comunicazioni sociali. L’iniziativa si
terrà mercoledì 9 ottobre 2019, presso l’Auditorium comunale di Ariano Irpino, con
inizio alle ore 10.00. L’evento diocesano nasce dall’intenzione di incontrare, innanzitutto,
coloro che sono impegnati nel mondo del’informazione ed offrire riflessioni per una
comunicazione che metta al centro la persona e che abbia il coraggio di farsi prossima a tutti.
La comunicazione, inoltre, è chiamata a favorire una cultura dell’incontro, grazie alla quale si
possa imparare a guardare la realtà quotidiana con consapevole fiducia. Su tali premesse,
l’invito all’evento diocesano è esteso, dunque, a tutta la comunità ecclesiale, ai parroci, ai
sacerdoti, ai diaconi, ai religiosi e alle religiose, ai fedeli laici e tra questi ultimi, in particolare, a
coloro che sono impegnati nel cammino scolastico. È ben noto, infatti, come la Scuola, quale
luogo di apprendimento e di sviluppo di competenze, spesso includa nel suo progetto
educativo iniziative formative legate al settore del giornalismo.
Nelle riflessioni ispirate al tema scelto da Papa Francesco, saremo dunque guidati dal
nostro Vescovo, S. E. Mons. Sergio Melillo, e dalla dottoressa Lucia Capuzzi, giornalista
di Avvenire (redazione Esteri), con un particolare impegno per le questioni latinoamericane.

Articolo precedenteAvellino, 40 multe in due giorni per chi telefonava al volante
Articolo successivoGrottaminarda, laboratori gratuiti per giovani: l’avviso di selezione
Giornalista. Ottimo. Leva (calcistica) dell’86. Sono laureato in Scienze Politiche all’Ateneo di Salerno con tesi in Diritto Amministrativo Europeo e un Master di II livello in Economia e Gestione delle Imprese. Ma la mia è una vita dedicata allo sport, più precisamente al calcio. A raccontarlo ho cominciato sin da piccolo e con Irpinianews, il giornale online al quale mi sento più affine, sto diventando grande. Da due anni in forza alla redazione, prima come cronista di calcio minore e successivamente, anche come inviato, a seguire le vicende dell’Avellino Calcio. Il web è il mio mondo, mi piace catturare e offrire notizie in tempo reale. Ho lavorato presso l’ufficio stampa del Comune di Salerno, con l’agenzia di stampa Mediapress, ho preso confidenza con il mondo dei social network e della condivisione di informazioni.