Ariano Irpino, ennesima tragedia alla Casa Circondariale: il comunicato O.S.A.P.P.

Ariano Irpino, ennesima tragedia alla Casa Circondariale: il comunicato O.S.A.P.P.

11 Settembre 2021

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa O.S.A.P.P.

L’ennesima tragedia, questa volta consumata presso la Casa Circondariale di Ariano Irpino “Pasquale Campanello”, è la conseguenza dei numerosi gridi di allarme lanciati dall’ O.S. O.S.A.P.P. sia per le carenze sanitarie, che senza dubbio è vero noi come O.S.A.P.P. siamo più volte intervenuti, sia come segreteria locale, Provinciale, Regionale e Generale, denunciando la carenza di un presidio di specialisti in particolar modo Psichiatri e Psicologi in Istituto.

Oltre a tutto ciò, l’O.S.A.P.P. crede che il problema principale e fondamentale è la cronica carenza di personale di Polizia Penitenziaria e del Comparto Funzioni Centrali, che costringe il personale a sostenere dei doppi turni, di 9/12 ore consecutive, a dover coprire contemporaneamente 2 o più posti di servizio, la carenza di personale, attualmente di Polizia Penitenziaria è di circa 30 unità rispetto alla precedente pianta organica fissata in 165 unità, ciò non tiene conto dell’apertura del nuovo padiglione detentivo, l’aumento di tutte le attività connesse (trattamenti, Colloqui, Matricola ecc.ecc.) e della mancanza di un nucleo locale traduzioni e piantonamenti che si possa farsi carico delle numerose visite ambulatoriali programmate presso i luoghi esterni di cura e altre tipologie di servizi istituzionali esterni all’istituto Penitenziario, secondo i nostri calcoli, mancherebbero almeno 80/100 unità di Polizia Penitenziaria di tutti i ruoli: ispettori, sovrintendenti, agenti ed assistenti.