Ariano Irpino, discarica a cielo aperto di prodotti di scarto di un frantoio: scatta il sequestro

0
1105

I finanzieri del Comando Provinciale di Avellino hanno individuato e sottoposto a sequestro, nei giorni scorsi, un’area di circa 20.000 mq, ad Ariano Irpino, dove erano stati sversati prodotti di scarto di un frantoio arianese.

Le immediate indagini svolte hanno consentito di identificare l’oleificio in questione, con sede nella città del Tricolle, e il trasportatore del materiale,
residente ad Ariano, che, tra l’altro, era privo di contratto di lavoro.

Dall’ispezione del sito è stato possibile appurare una grande quantità di liquami formati dalle acque di vegetazione e sanse, provenienti dalla lavorazione delle olive, che venivano sversate in maniera incontrollata sul terreno, rappresentando un danno anche per le sottostanti falde acquifere.

Il grande quantitativo di scarti rinvenuto sul suolo è stato probabilmente frutto dell’accumulo, in maniera del tutto incontrollata, avvenuto durante questo primo periodo di molitura delle olive.

Per contenere il rischio di inquinamento ed evitare che fosse portato ad ulteriori conseguenze, i finanzieri hanno proceduto al sequestro dell’intera area, al fine di attivare le procedure presso gli Enti preposti e consentirne la successiva bonifica; nel contempo, hanno deferito all’autorità giudiziaria sannita il conducente del mezzo adoperato per lo sversamento, colto durante l’atto di smaltire illecitamente il prodotto, per l’ipotesi di attività di gestione dei rifiuti non autorizzata.