All’Asl Av2 le dinamiche dell’uso di stupefacenti

0
2

Avellino – Gli stili di consumo di sostanze legali ed illegali in questi anni sono profondamente mutati: cambia l’offerta delle sostanze, si abbassano i prezzi, cambiano luoghi di vendita e di consumo, si modifica la modalità di utilizzo. Si è passati da un consumo centrato su una sola sostanza al policonsumo. Si delineano, quindi, profili, stili di consumo e problematiche differenti.
“Nel tempo si è assistito ad una modificazione degli stili di consumo – sottolinea, a riguardo, la dottoressa Gabriella Pugliese, direttore dell’Unità Operativa Ser.T e Dipartimento Dipendenze della Asl Avellino 2 – e si è evidenziata soprattutto nei giovani una condizione non qualificabile come dipendenza, ma non per questo scevra di pericoli. Nuove le problematiche che i Servizi per le dipendenze devono affrontare e che richiedono flessibilità nelle modalità di contatto e gestione terapeutica dei nuovi consumatori”.
Partendo da tali premesse, la Asl Avellino 2 ha organizzato una serie di incontri per affrontare le questioni legate alla complessità generata dai cambiamenti della scena dei consumi e delle dipendenze. L’obiettivo è di formare operatori che hanno un ruolo strategico nell’avvicinare questi nuovi bisogni con competenza e discrezione. Gli incontri, denominati “Giovani, adulti e nuovi consumi”, si terranno giovedì alle ore 15.30 e venerdì alle ore 10.00, presso l’aula conferenze di “Irpinia Solidale”, al piano superiore dello stabile dell’Unità Operativa Ser.T di Avellino, con sede in corso Europa. Parteciperà alla due giorni di dibattito e di confronto il dottor Edoardo Polidori, direttore dell’Unità Operativa Ser.T di Forlì. “Il dottor Polidori – aggiunge la dottoressa Pugliese – è anche uno dei massimi esperti di Scienza delle droghe e opera presso l’Istituto Superiore di Sanità. La sua presenza ci consente di rafforzare e migliorare l’aggiornamento professionale degli operatori in concertazione con gli Enti Ausiliari Territoriali, così da agire contestualmente e sinergicamente in un panorama in continua trasformazione. Tale sinergia, ad esempio, è già stata realizzata con il Centro Servizi Volontariato, diretto dal dottor Giovanni Spiniello, che, in uno spirito di condivisione, ha sempre accompagnato i percorsi operativi di integrazione territoriale messi in essere dal Ser.T”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here