Akyol: “L’Air con me tornerà al top”. Ed è Nelson la guardia!

0
1

Avellino – Cenk Akyol piace sempre di più. E non solo alla parte femminile degli appassionati e dei fan della Scandone, conquistata dai colori scuri e dal fisico atletico dell’ex Efes Pilsen. Akyol convince in campo, dove dopotutto il suo talento non è mai stato messo in discussione, e fuori, dove appare una persona motivata e con le idee ben chiare in testa. Avellino è un chance per rilanciarsi, ma anche e soprattutto un’occasione per confermare tutte le sue potenzialità. “So che tutti, dai media ai tifosi, si aspettano molto da me – ha detto Akyol – le responsabilità non mi spaventano, ma preferisco non fare promesse. Quel che è certo è che il mio successo professionale, e quello di tutti i miei compagni, passa esclusivamente attraverso il successo della Scandone. Dopo i primi giorni di allenamento posso dire per certo che questa squadra ha tutti i numeri per fare bene, non ci resta che lavorare duro”. E a chi lo pronostica come la possibile sorpresa del campionato, Akyol replica senza falsa modestia: “E’ troppo presto per fare pronostici, sono consapevole di poter dare un contributo importante ma questo non mi mette al di sopra degli altri. Giocherò più minuti rispetto ai 13 di media che avevo nell’Efes, dove i miei spazi erano chiusi. Avrò dunque molte opportunità per mettermi in mostra, ma prima di tutto dovrò pensare alla squadra”.
Akyol prima di sbarcare in Irpinia ha ‘studiato’ Avellino, tanto da esser già consapevole delle sfide che gli si presenteranno di fronte. “Per me è il primo anno fuori dalla Turchia – ha spiegato – e dunque mi aspetto un’esperienza sicuramente entusiasmante ma altrettanto difficile per me. Avellino è una piazza importante, che negli ultimi due anni ha raccolto soddisfazioni e premi. L’anno scorso non è finita nel migliore dei modi, io sono qui perché con il lavoro e la squadra che è stata allestita possiamo sicuramente lottare per tornare tra le grandi”.
Akyol, che già conosceva Dee Brown per averci giocato insieme, è rimasto colpito dalla professionalità con la quale la squadra ha affrontato la prima settimana di allenamento. E su quelle che sono le sue caratteristiche e il suo ruolo in mezzo al campo, il nazionale turco è apparso altrettanto chiaro. “Spero di poter risultare incisivo con il mio tiro da fuori e le mie capacità realizzative. Sono qui per mettere punti a referto, ma i buoni risultati passeranno innanzitutto dalla difesa e dalla collaborazione di tutti”.

NELSON – E se Akyol potrebbe rischiare di soffrire in fase difensiva contro ali piccole ben più veloci e atletiche di lui lo stesso non si potrà certo dire del suo possibile compagno di reparto: secondo le ultime indiscrezioni la Scandone avrebbe messo le mani infatti su Demarcus Nelson, atleta sensazionale ex capitano dell’università di Duke e già nel giro dell’Nba. Giovane (classe ’85) Nelson non ha mai varcato i confini americani: si tratta infatti di un cestista che in Europa, a qualsiasi livello, è in grado di fare la differenza. (Giuseppe Matarazzo)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here