Ad Avellino la 3^ e 4^ giornata del campionato nazionale di torball serie A

0
1035

Ad Avellino la 3^ e 4^ giornata del campionato nazionale di torball serie A. Ad organizzare il tutto il gruppo sportivo per Atleti tipo e non vedenti “Nuova realtà Campana” del capoluogo irpino. Le giornate, cui parteciperanno circa 60 atleti provenienti da varie parti d’Italia, si terranno sabato 22 e domenica 23 gennaio.

Si sfideranno, oltre l’Avellino, il Colosimo Napoli, la Reggina (RC), l’Olimpic Paideia Sporting (CB) e due compagini siciliane, l’Augusta e il Fucà Enna.

Le gare della Federazione Italiana sport Paralimpico per Ipovedenti e ciechi prenderanno inizio sabato alle ore 14:30 e domenica dalle ore 08:15 presso la palestra scolastica del liceo Virgilio Marone, gentilmente concessa dalla dirigente scolastica Lucia Forino.

Il torball, una delle 8 discipline sportive della Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e Ciechi, è tra le più praticate in Italia da questi atleti. Nasce nell’immediato dopo guerra, verso gli anni ’50. Si gioca in un campo lungo 16 mt e largo 7, ai cui lati corti si trovano due porte alte 1,3 mt per 7 mt di larghezza, difese entrambe da tre atleti disposti su 3 tappetini utili all’orientamento spaziale degli stessi.

Al centro del campo, in senso trasversale, ci sono 3 cordicelle alte 40 cm. a cui sono collegati dei campanellini sonori. Una partita è di due tempi di 5 minuti, vince la squadra che avrà realizzato più goal nei due tempi.

Gli atleti, che usano una palla sonora di circa 500 gr. della circonferenza di circa 65 cm, hanno sia la funzione di portieri quando gli avversari tireranno con le mani il pallone, per poi successivamente essere attaccanti a loro volta.

Il gioco avviene in palestra in assoluto silenzio proprio per permettere l’intercettazione del pallone sonoro, e vi saranno 7 ufficiali di gara per far rispettare le diverse regole e verificare gli eventuali falli o reti delle squadre.