Acli – “Fondo di cittadinanza”: nuova stagione per lo sport sociale

0
17

Avellino – Una prospettiva importante si apre per l’Associazionismo di sport di cittadinanza grazie all’intesa raggiunta in sede di Conferenza Unificata tra Governo, Regioni ed Enti Locali. Dopo l’istituzione di un fondo triennale nella Finanziaria 2008 destinato allo sport di cittadinanza, l’intesa raggiunta nella Conferenza Stato – Regioni stabilisce i criteri di ripartizione, assegnando risorse in grado di supportare e veicolare l’impegno sia delle Istituzioni che dell’associazionismo, chiamate a cooperare per promuovere lo “Sport di cittadinanza”, in una logica di sussidiarietà spesso resa inattuabile.
“L’art. 2 dell’intesa – commenta il Presidente Nazionale dell’US Acli, Alfredo Cucciniello – che definisce le finalità dei progetti per lo sport di cittadinanza assomiglia a tanti documenti redatti dall’Associazionismo, nei quali si chiede di garantire il diritto al gioco e al movimento a cittadini di tutte le età, di diversa abilità e categorie sociali; promuovere stili di vita attivi, utili a prevenire patologie fisiche e psicologiche, individuali e di rilevanza sociale, e a mantenere un adeguato stato di salute; promuovere la funzione educativa dello sport sia come opportunità di crescita individuale che lo sviluppo della collettività; favorire l’integrazione sociale anche in una prospettiva interculturale; educare alla condivisione delle scelte in un contesto comunitario ed ai principi di partecipazione, corresponsabilità, non violenza e sostenibilità; includere tutti i cittadini nella pratica motoria e sportiva senza discriminazioni ovvero esclusioni in ragione della capacità tecnico – sportiva, in particolare con riguardo alle persona che manifestano condizioni di disagio e sofferenza, promovendo la cultura della condivisione e della solidarietà; promuovere ed organizzare una attività motoria sportiva sostenibile, rispettosa delle persone, della società e dell’ambiente. Accogliamo pertanto con grande soddisfazione l’intesa, e ci pare giusto sottolineare il ruolo decisivo svolto dalle Regioni e dal Ministero delle Politiche giovanili e delle Attività sportive che hanno finalmente assegnato un riconoscimento pubblico allo sport dei cittadini. Per noi, dalla sede nazionale ai comitati territoriali – conclude Cucciniello – si apre una nuova stagione, nella quale valorizzare la nostra proposta di sport sociale, la nostra passione, le nostre capacità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here