Amministrative, giochi quasi fatti: domani la diretta di Irpinia News

0
882

Manca poco. Alle 12 di domani, sabato 14 maggio, scade il termine per la presentazione di simboli e liste. Poi, dopo che in ogni comune la commissione elettorale accerterà se è tutto in regola, si aprirà ufficialmente la competizione per il rinnovo dei consigli comunali in 14 comuni della provincia di Avellino.

Domenica 12 giugno si voterà a Solofra (12.419 residenti), Atripalda (10.926), Grottaminarda (8.297), Montemiletto (5.361), Baiano (4.730), Gesualdo (3.603), Fontanarosa (3.301), Flumeri (3.045), Montemarano (3.005), Sirignano (2.878), Capriglia Irpina (2.417), Pietradefusi (2.375), Santo Stefano del Sole (2.189) e Chianche (551).

65mila, in totale, gli elettori irpini chiamati ad esprimere la propria preferenza.

Da sottolineare che alle urne sarà chiesto anche di esprimersi sul tema giustizia. Ci sono i 5 referendum approvati dalla Corte Costituzionale. Al voto la legge Severino, la separazione delle carriere, la custodia cautelare durante le indagini, riforma del Csm e l’equa valutazione dei magistrati.

Si tratta, dunque, di una sorta di election day simile a quello andato in scena nel 2020, con l’accorpamento deciso dal Viminale e poi ratificato dal Consiglio dei ministri che avrebbe motivazioni sia economiche sia sanitarie. Una scelta questa dettata anche dal fatto che l’anno scolastico in gran parte del Paese terminerà il 10 giugno.

Per quanto riguarda gli orari, i seggi saranno aperti nella sola giornata di domenica dalle ore 07:00 fino alle ore 23:00. Per gli elettori positivi al Covid, sottoposti a trattamento ospedaliero o domiciliare, e per tutti coloro che si trovano in condizioni di isolamento, si prevedono modalità operative e di sicurezza che consentano, anche a tali soggetti, di poter prender parte attiva alle consultazioni.

Una volta chiuse le urne ci sarà prima lo spoglio per quanto riguarda i cinque referendum in programma e poi, a partire dalle ore 14:00 di lunedì 13 giugno, inizierà lo scrutinio delle amministrative.

In queste elezioni amministrative 2022 saranno 978 i Comuni dove si eleggerà un nuovo sindaco, per un totale di quasi 9 milioni di italiani chiamati alle urne.
In totale saranno ventisei i capoluoghi o co-capoluoghi di provincia, di cui quattro anche di regione (Genova, L’Aquila, Palermo e Catanzaro), chiamati al voto nel 2022.

Sono 90 i comuni al voto in Campania (poco più del 15%),

Ritorniamo alla provincia di Avellino. I riflettori, gioco-forza, sono puntati su Solofra, Atripalda e Grottaminarda.

Nella città della concia, è tempo di dopo-Vignola. Il riferimento storico del Pd è stato a Palazzo Orsini per ben 10 anni. La sua eredità proverà a raccogliera Maria Luisa Guacci, assessore uscente. Su di lei converge buona parte del Pd solofrano ed anche la segreteria provinciale.

Si ricandida ancora una volta Nicola Moretti, vicino ad Italia Viva. Terzo sfidante, un civico: Antonello D’Urso.

Sfida “fratricida” ad Atripalda. Pd contro Pd, Spagnuolo contro Spanguolo. Si rinnova, infatti, la stessa sfida di cinque anni fa. Allora, Giuseppe Spagnuolo era l’antagonista di Paolo Spagnuolo, sindaco uscente. Oggi i ruoli sono ribaltati. Si ricandida anche Nunzia Battista, con “Abc”.

I Dem sono collocati in entrambe le liste Spagnuolo.

Stesso discorso a Grottaminarda. Altro comune, altra sfida “fratricida”. A Marcantonio Spera – voluto dalla segreteria provinciale del Pd – si contrappone Vincenzo Barrasso, scelto dalla segreteria locale.

Sfida un po’ più “normale” a Baiano. Il Pd candida Enrico Montanaro che, nel caso in cui dovesse essere eletto, sarebbe al suo terzo mandato. Lo sfidante è l’avvocato Emanuele Litto, sostenuto dal centro-destra.

Nessun sfidante all’orizzonte per Nunziante Picariello con la sua “Capriglia Bene Comune”. Il sindaco, riferimento di Maurizio Petracca (Pd) nonché presidente dell’ambito dei servizi sociali A04, punta al terzo mandato.

A Flumeri anche il sindaco uscente, Angelo Lanza, punta al terzo mandato. E’ appoggiato da Pd, Popolari ed Italia Viva. Contro di lui un medico, Michele Ciasullo.

A Fontanarosa, al momento, sembra esserci solo il sindaco uscente Giuseppe Pescatore.

A Gesualdo la sfida dovrebbe essere quella tra Domenico Forgione e Rocchino Flammia.

A Montemarano, invece, la sfida “fratricida” è in Italia Viva. Il sindaco uscente, Pellegrino Palmieri, punta al terzo mandato. Contro di lui, il dottor Luigi Ricciardelli, medico chirurgo.

A Montemiletto si contenderanno la fascia tricolore Agostino Frongillo e Massimiliano Minichiello, a Pietradefusi Fiorella De Vizia, Giovanni Romaniello e Nino Musto (già sindaco), a Santo Stefano del Sole Gerado Santoli e Francesco Urciuoli.

A Sirignano, infine, la partita se la giocheranno Antonio Sirigano e Paola Bellofatto.

Domani, dalle 15.45, proprio per commentare le liste presentate nei vari comuni, sulla nostra pagina facebook saremo in diretta dal “Clicquot” di Atripalda.

Ospiti: Alessia Castiglione (Fratelli d’Italia), Bruno Gambardella (+ Europa), Sabino Morano (Primavera Meridionale). Riprese: Mario D’Argenio.