25 aprile, Gubitosa alla cerimonia ad Avellino: “Obiettivo salvare imprese e aiutare le famiglie”

0
1033

Salvare le imprese e aiutare le famiglie. E’ questo l’obiettivo di questa fase del Movimento 5 Stelle. Ne è convinto il Vicepresidente dei pentastellati Michele Gubitosa, presente questa mattina alla cerimonia ufficiale per la celebrazione del 77° Anniversario della Liberazione che si è tenuta come di consueto in via Matteotti ad Avellino.

“Occorre aiutare imprese e famiglie ad affrontare gli aumenti vertiginosi di queste settimane – spiega l’onorevole -. Il M5s è al lavoro per avanzare le sue proposte al Governo. Serve un nuovo Decreto Ristori che faccia arrivare direttamente sui conti correnti delle imprese le risorse utilizzate per i costi extra legati all’energia e alle materie prime. Inoltre proponiamo di azzerare l’Iva sui beni di prima necessità e abbassarla per le bollette. Meglio intervenire ora che successivamente sulla Cassa Integrazione per i lavoratori” continua Gubitosa.

Sui fondi del Pnrr, il Vicepresidente del M5s è sicuro: “Non va disperso nemmeno un centesimo dei 200 miliardi che Giuseppe Conte ha conquistato dall’Europa. Il Paese non può permettersi un fallimento del genere. Noi come Movimento 5 Stelle continueremo a pungolare l’esecutivo per tutelare investimenti e risorse”.

Prossimi anche gli appuntamenti elettorali, a partire dalle amministrative che in Irpinia coinvolgeranno 14 comuni. “Purtroppo siamo ancora alle fasi preliminari per quanto riguarda la riorganizzazione sui territori. Non siamo riusciti a designare un responsabile provinciale M5s e questo ci penalizzerà alle amministrative. Nostro obiettivo è accelerare su questa nuova fase”.

Tra i centri irpini al voto anche Montemiletto, comune d’origine di Gubitosa, e la domanda è se il parlamentare presenterà una lista o appoggerà qualcuno dei candidati. “Parliamo di un borgo bellissimo di 4mila abitanti – risponde il deputato -. Ci conosciamo tutti dalla nascita e c’è profondo rispetto tra noi. Ovviamente nelle fasi elettorali non possono mancare contrapposizioni, ma chi occupa ruoli istituzionali non deve alimentarle. Chiunque sarà eletto sindaco potrà contare sul mio supporto, così come è sempre stato con le precedenti amministrazioni”.

Sul piano nazionale, invece, si continua a lavorare sul campo largo progressista costituito dalle alleanze con Pd e Sinistra. “Giuseppe Conte intende riproporre sui territori lo stesso schema vincente del Conte 2 – precisa Gubitosa -. Il dialogo va costruito sui temi mantenendo la nostra identità e lo abbiamo dimostrato con il secco no ai 15 miliardi di spese militari. Siamo per un campo largo e unito, poi ci sono soggetti politici che con il loro 2% provano invece a spaccarlo passando il tempo a insultare Conte”.