23 novembre 1980, da Lioni ad Avellino l’onda lunga del ricordo e della riflessione

0
1267

Mercoledì 23 novembre sarà sicuramente un giorno importante per la provincia di Avellino, il giorno del dolore, ma anche della speranza. Dopo 42 anni dal sisma del novembre del 1980, il ricordo di quella terribile sera e di tutti i giorni seguenti, è ancora vivo. Diverse le iniziative già in programma. A Lioni, tra i luoghi più colpiti, mercoledì 23 novembre alle ore 17, presso l’aula consiliare del Comune si terrà l’incontro sul tema “Da Lioni 1980 al ruolo della Protezione Civile oggi”.

L’occasione sarà utile per ricordare il grande contributo di solidarietà di centinaia di volontari nei confronti della comunità.

Il Circolo del Nuoto di Avellino, invece, dal 23 al 25 novembre, ricorda il terremoto con la mostra fotografica Quaranta e non vederli di Luca Daniele.

L’evento di Lioni si inserisce tra le iniziative di divulgazione e consolidamento del Protocollo d’intesa per il rafforzamento delle esperienze di protezione civile e soccorso montano tra il Comune di Lioni e il Comune di Karpacz, sottoscritto lo scorso settembre in Polonia.

Dopo il saluto dei consiglieri comunali delegati ai Gemellaggi e alla Protezione civile, Sabatino Fonso e Pasqualino Garofalo, e della consigliera delegata alle Pari opportunità della Regione Campania Rosetta D’Amelio, interverranno: il soccorritore Marian Sajnog per l’associazione GOPR; l’autore, guida ambientale e volontario nel 1980, Andrea Perciato; la ricercatrice Dina Moawad, dottoranda in Economics Management and Accounting dell’Università degli studi di Napoli “Parthenope” con il progetto di ricerca dal titolo “Scosse e migrazione nei piccoli comuni”; la dirigente Regione Campania Protezione Civile Emergenza e Post Emergenza, Claudia Campobasso.

Introduce e coordina la consigliera comunale delegata alla Cultura Anna D’Amelio. Conclusioni affidate al sindaco di Lioni, Yuri Gioino.

Terre mosse e rimosse, dal 23 al 25 novembre, al Circolo del Nuoto di Avellino sarà un’occasione di confronto sulla questione irrisolta del sisma del 1980. Mercoledì 23 novembre, alle 19, il primo appuntamento con la presentazione del libro fotografico di Luca Daniele, Quaranta e non vederli (2021, De Angelis Art, 120 pag.) e con l’inaugurazione dell’omonima mostra fotografica.

Moderati da Gianni Colucci (giornalista de Il Mattino), interverranno Mario Fabbroni (giornalista de Il Messaggero), Marina Brancato (antropologa), Luca Sessa (economista), Francesco Della Calce (critico cinematografico), Michela Mancusi (membro della Commissione cinema ministeriale), Antonello Plati (giornalista, collaboratore de Il Mattino) e Luca Daniele (fotografo documentarista).

Introdurranno i lavori Giovanni Porcelli, presidente del Circolo del Nuoto di Avellino, e Marcello Sfera, consigliere del Circolo del Nuoto di Avellino.

Mentre la mostra fotografica sarà visitabile anche giovedì 24 novembre, il giorno dopo, venerdì 25 novembre, alle 19, 30, è in programma la proiezione del docufilm La legge del terremoto dell’attore e regista avellinese Alessandro Preziosi.