Visita in Comune degli studenti del Liceo “Publio Virgilio Marone”

0
5

Una delegazione di studenti delle prime classi del Liceo “Marone” di Avellino, durante la Settimana della flessibilità, nell’ambito del progetto sulle Istituzioni locali, nella mattinata di mercoledì 8 febbraio hanno visitato la Biblioteca comunale e la sede del Comune di Avellino.

Gli alunni, accolti dall’Assessore alla cultura e alla pubblica istruzione Bruno Gambardella e dalla funzionaria comunale Amalia Leo, hanno potuto visitare le varie sale del Municipio di Piazza del Popolo – dalla Sala Consiliare all’Anagrafe, dalla Sala Stampa alla stanza del Sindaco dove si tengono anche le Giunte – e fare domande sulle varie attività svolte dal loro Comune. In particolare i ragazzi si sono intrattenuti nell’Aula del Consiglio comunale e seduti sulle poltrone degli assessori hanno rivolto vari interrogativi proprio sull’attività della Massima Assise cittadina, su come si svolge, su chi vi partecipa, sulla funzione degli assessori e dei consiglieri comunali e sul ruolo dei giornalisti e dei vari addetti ai lavori.

“Insomma una iniziativa molto utile che ha consentito agli studenti di vedere sul campo come è strutturato l’Ente e come funziona il Consiglio Comunale – ha commentato soddisfatto l’Assessore Gambardella – i ragazzi hanno infatti potuto comprendere in tempo reale il ruolo dell’Amministrazione distinguendo la fase della gestione dei servizi da quella della gestione politica e dei programmi. Un ringraziamento particolare – ha proseguito il delegato alla pubblica istruzione di Palazzo di Città – sento di farlo a nome dell’Amministrazione alla dirigente del Liceo Marone  professoressa Santulli che con l’iniziativa della settimana della flessibilità permette agli alunni di lavorare a classi aperte e a progetti interdisciplinari, e alle professoresse Pacilio e Basso che hanno curato il progetto sule Istituzioni locali. Inoltre ringrazio la consigliera comunale Barbara Matetich per  aver reso possibile tale incontro, certamente formativo per gli studenti del Liceo Marone”.