Violenze sessuali, chiesto altro processo per il pastore evangelico

0
214

di Andrea Fantucchio – Il sostituto procuratore, Cecilia Annecchini, ha chiesto il processo per l’83enne, capo della chiesa evangelica libera di Sant’Andrea di Conza, accusato di una serie di violenze sessuali. Un’indagine bis sul capo spirituale, già finito in un processo con l’accusa di riduzione in schiavitù. Il prossimo 4 marzo l’83enne, difeso dall’avvocato Giovanna Perna, dovrà comparire davanti al gip, Marcello Rotondi. Il giudice per le udienze preliminari dovrà decidere se spedirlo a processo.

In questa inchiesta sono confluite alcune denunce di donne che si sono già costituite parti civili nel processo madre, dove alcune di loro sono difese dall’avvocato, Danilo Iacobacci. Il legale che, con la sua opposizione, non aveva fatto archiviare l’indagine principale. E aveva spinto il gip di Napoli a formulare l’imputazione coatta.

In quel procedimento penale l’imputato si è sempre difeso dalle accuse, sostenendo anche di essere stato ricattato da una delle donne che lo ha denunciato.