“Vietato Vivere”, l’Ugl in piazza per i diritti dei lavoratori

0
100

“L’Ugl è scesa oggi in piazza, con una mobilitazione di respiro nazionale, per chiedere al Governo una maggiore sensibilizzazione nei confronti dei pensionati e dei lavoratori”.

Queste le parole di Costantino Vassiliadis, segretario provinciale dell’Utl Ugl di Avellino, a margine della manifestazione promossa dal suo sindacato e dal titolo “Vietato Vivere, pensione irraggiungibile”.

Questa mattina in piazza Libertà è stato allestito un gazebo dall’Organizzazione sindacale per realizzare un’attività di informazione e sensibilizzazione sulle conseguenze negative che apporterà la riforma Fornero.

“L’Ugl chiede di bloccare l’innalzamento dei requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia e anzianità in rapporto all’aspettativa di vita. E’ necessario – prosegue il sindacalista  – estendere la flessibilità in uscita e il riconoscimento della peculiarità e del valore universale della maternità e del lavoro di cura ed assistenza familiare. Chiediamo di rivedere, prorogare ed estendere la platea dei beneficiari dell’Ape-Social”.

“In conclusione la nostra richiesta è di iniziare un serio dialogo sull’abolizione della Legge Fornero. Se non si inizierà a porre seria attenzione su tutti questi temi non potremo parlare mai di ripresa economica del Paese”.