VIDEO/ Tumore dell’endometrio, Scambia: “Cure con metodiche non invasive”

1 Dicembre 2017

Stamane ad Avellino si è tenuto un convegno relativo al carcinoma dell’endometrio. L’Ospedale Moscati ha ospitato un approfondimento su diagnosi e terapia relative all’endometriosi, una patologia particolarmente diffusa negli ultimi tempi, che colpisce le donne dalla prima mestruazione ed eccezionalmente anche prima del primo ciclo mestruale nell’infanzia.

Il professore Giovanni Scambia, ordinario di Clinica ostetrica e ginecologica presso il Policlinico Gemelli di Roma, nel corso del convegno ha illustrato tutte le caratteristiche e le novità riguardanti i tumori maligni dell’endometrio.

“Abbiamo parlato di prevenzione e di tutte le novità che riguardano il carcinoma dell’endometrio – ha detto il prof. Scambia, a margine dell’incontro – il tumore ha un’incidenza importante nel presente e ne avrà ancora di più nel futuro in quanto è strettamente legato all’obesità. Dobbiamo combatterlo e quindi parlarne in senso preventivo e terapeutico: le cure possono essere effettuate con metodiche non invasive.”

“Esistono delle caratterizzazioni familiari a rischio – ha continuato il luminare – dobbiamo intervenire su questo, sappiamo che possiamo operarlo in maniera meno invasiva. Le donne colpite, attualmente, possono anche mantenere l’utero e andare incontro a una gravidanza. I sintomi principali sono le perdite ematiche, conviene in questi casi rivolgersi a uno specialista.”

Guarda il video dell’intervista