VIDEO/ Patto per lo Sviluppo, l’Irpinia delle mille vertenze chiama De Luca

0
72

Subito un incontro con il Governatore regionale Vincenzo De Luca.

Provincia, parti sociali, rappresentanti datoriali sono concordi nel richiedere ad horas un vertice con la nuova Giunta regionale, per portare sulla scrivania dell’ex sindaco di Salerno quanto prodotto dal Tavolo negli ultimi anni e aggiornarlo con le nuove criticità del territorio irpino.

E’ questo quanto emerso nel primo pomeriggio a margine della ripresa del tavolo per lo Sviluppo – convocato dalla Provincia di Avellino – che ha visto la presenza dei numero uno di Palazzo Caracciolo Gambacorta, del presidente di Confindustria Avellino Basso, del segretario del Cna Fierro, del direttore di Confartigianato Mocella e – per i sindacati – di Petruzziello (Cgil), Simeone (Uil), Vassiliadis (Ugl) e Melchionna (Cisl).

Quattro le problematiche/vertenze da cui ripartire in Irpinia: la questione della bonifica dell’Isochimica ad Avellino, l’ex Irisbus, l’emergenza idrica e la questione dell’inquinamento e della bonifica dei territori di Montoro e Solofra.

“Occorre rilanciare l’autorevolezza del Patto per lo Sviluppo – ha detto Domenico Gambacorta – Occorre parlare con De Luca e far capire alla Regione l’importanza che ha l’interlocuzione con questo Patto che è un modello unico in Campania che ha già portato a risultati notevoli. Parlo dei progetti che si sono incardinati con la Giunta Caldoro, ovvero il finanziamento della Lioni Grottaminarda, dei depuratori, dell’Alta Capacità ma anche del Progetto Pilota che è stato condiviso dal tavolo regionale. Occorre un punto di riferimento permanente che ovviamente non può essere il Governatore per questioni di spazio e tempo. Vogliamo creare condivisione intorno al tavolo che non è solo un luogo di concertazione con le parti sociali ma un serbatorio di proposte progettuali per lo sviluppo”.

Per Basso, “… De Luca si è insediato da pochissimo ed ha messo in campo tanti impegni. Ci auguriamo che possa mantenerli”.

Moderatamente soddisfatti i sindacati all’esito del tavolo.

Per Petruzziello “… occorre capire se la nuova Regione a differenza della precedente Giunta riconoscerà l’autorevolezza di questo tavolo”;  Simeone invece ha colto l’occasione per ricordare l’importanza dell’agenda europea 2014-2020 in uno ai grandi progetti che si stanno sviluppando in provincia di Avellino (Progetto Pilota, Area Vasta e Patto).

Di seguito la video intervista ai segretari provinciali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl:

[ot-video][/ot-video]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here