VIDEO/ Morano: “Danno a una parte politica e alla città, pronto dossier per interrogare il Governo”

17 Settembre 2021

Renato Spiniello – “Danni non solo alla mia persona, ma a una parte politica e alla collettività avellinese che non meritava di essere accusata e vilipesa sulla scorta di questioni irrilevanti che non hanno dato luogo nemmeno all’inizio di un processo”.

Dopo la sentenza di “non luogo a procedere” del Gup di Napoli nei confronti di Sabino Morano, accusato di voto di scambio politico-mafioso rispetto alle elezioni amministrative del 2018 nell’ambito della maxi-inchiesta sul nuovo Clan Partenio, l’ex segretario provinciale della Lega incontra la stampa insieme ai suoi legali Alessandro Diddi e Elisabetta Cucciniello per rilanciare la sua attività politica dopo due anni in panchina.

“In questo tempo c’è stata un’alterazione della democrazia – denuncia Morano – in quanto la vicenda ha sicuramente condizionato una fase politica. Ora – prosegue – ricomincio dai libri e dalla mia associazione (Primavera Irpinia, ndr), che nel frattempo si è allargata all’intero Mezzogiorno. In questi mesi – conclude – abbiamo preparato un dossier che ispirerà alcune interrogazioni parlamentari, perché è giusto chiedere conto al Governo di una serie di circostanze, collaterali all’inchiesta, non limpidissime”.