VIDEO/ Lapio, fedeli in rivolta contro il parroco: “Pretende troppi soldi per la festa”

0
67

Tensione alle stelle tra il parroco di Lapio Don Francesco e la popolazione. Per questo motivo il sindaco del paese ,Trisa Lepore, si è vista costretta a vietare lo svolgimento della processione in onore della Santissima Madonna di Montevergine nella frazione di Arianiello.

Secondo la testimonianza dei fedeli e del comitato festeggiamenti, raccolta ai nostri microfoni, Don Francesco avrebbe preteso una percentuale del 10% sugli incassi lordi della festa, come tariffa dovuta alla chiesa.

Alcuni lapiani si sono recati in diocesi a Benevento dove hanno appreso che non esiste nessuna percentuale stabilita dovuta alla parrocchia.

Apriti cielo! Dopo reiterati scontri verbali con il prete, i fedeli si sono rifiutati di pagare somme così ingenti e Don Francesco ha annullato la festa.

Il sindaco , con un ordinanza ha vietato la processione per motivi di ordine pubblico a causa del clima di astio venutosi a creare.

Pare che i dissapori e i litigi tra parroco e gran parte degli abitanti vadano avanti già da mesi.
Abbiamo provato ad intervistare Don Francesco che però non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

Servizio di Enzo Costanza

Articolo precedentePicerno-Avellino, entusiasmo alle stelle: tutto esaurito nel settore ospiti
Articolo successivoVallata, tir di pomodori in fiamme sull’autostrada
Giornalista. Ottimo. Leva (calcistica) dell’86. Sono laureato in Scienze Politiche all’Ateneo di Salerno con tesi in Diritto Amministrativo Europeo e un Master di II livello in Economia e Gestione delle Imprese. Ma la mia è una vita dedicata allo sport, più precisamente al calcio. A raccontarlo ho cominciato sin da piccolo e con Irpinianews, il giornale online al quale mi sento più affine, sto diventando grande. Da due anni in forza alla redazione, prima come cronista di calcio minore e successivamente, anche come inviato, a seguire le vicende dell’Avellino Calcio. Il web è il mio mondo, mi piace catturare e offrire notizie in tempo reale. Ho lavorato presso l’ufficio stampa del Comune di Salerno, con l’agenzia di stampa Mediapress, ho preso confidenza con il mondo dei social network e della condivisione di informazioni.