VIDEO/ Blitz Pratola Serra, gli Aufiero: “Perquisizione ha avuto esito negativo. Non molliamo”

13 Ottobre 2020

Renato Spiniello – “Le perquisizioni hanno avuto esito negativo”. Lo ribadiscono sindaco ed ex sindaco di Pratola Serra, Emanuele e Antonio Aufiero, al termine della lunga attività d’indagine da parte dei carabinieri nel borgo irpino.

Stamane il blitz presso le abitazioni di diversi amministratori locali, tra cui i fratelli Aufiero, alla ricerca di documentazione relativa all’indagine portata avanti ormai da tre anni sulla tensostruttura modulare noleggiata e poi acquistata dal comune per ospitare le scuole in attesa della messa in sicurezza del vecchio edificio scolastico.

Al termine della perquisizione Antonio e Emanuele, accompagnati dai loro legali, gli avvocati Gaetano Aufiero e Eliana Giugliano, hanno voluto incontrare la stampa presso la Sala Consiliare del Municipio. “Consapevoli di aver agito nel pieno rispetto della legalità” spiegano i due, rammaricati per le modalità di acquisizione dei documenti.

“Un enorme spiegamento di forze ingiustificato. Addirittura un’auto dei carabinieri è rimasta appostata davanti casa di nostra madre di 80 anni. Comportamenti che crediamo di non meritare – commenta l’attuale primo cittadino, che poi si rivolge alla minoranza consiliare – Non molleremo, e se qualcuno pensava che quanto accaduto stamane potesse farci chinare la testa ha sbagliato di grosso”.

Un’attività che, in ogni caso, non ha nulla a che vedere con la commissione prefettizia d’inchiesta d’accesso che sta esaminando da qualche mese il comune di Pratola Serra con l’ipotesi di infiltrazioni, fanno sapere i due amministratori.

LEGGI ANCHE: VIDEO/ “Un atto di esibizionismo giudiziario, mancavano solo le unità cinofile”. Blitz Pratola Serra, l’amarezza dell’avvocato Aufiero